L’anno è il 1794: l’orrore bussa alle porte

Recensione

Nel seguito di «1793» l’irriducibile ex soldato Mickel Cardel è di nuovo alle prese con una morte misteriosa in una perduta Svezia d’antan narrata da Niklas Natt och Dag

L’anno è il 1794: l’orrore bussa alle porte
L’autore Niklas Natt och Dag, 41 anni.

L’anno è il 1794: l’orrore bussa alle porte

L’autore Niklas Natt och Dag, 41 anni.

Niklas Natt och Dag, rampollo di un’antica nobile famiglia svedese, si è messo in testa di dipingere la fine del XVIII secolo nella sua terra come un romanzo dell’orrore. Cominciando dal riuscito romanzo 1793 e proseguendo con questo 1794, l’autore mette in scena un irriducibile ex soldato, Mickel Cardell, che in una Stoccolma tenebrosa e dedita a ogni vizio inizia una personale discesa negli inferi. Se nel primo romanzo Cardell assisteva il geniale Cecil Winge nella risoluzione del caso criminale in oggetto, stavolta si avvale della mente perspicace del fratello, Emil Winge, per cercare di trovare il colpevole del brutale assassinio di una ragazza avvenuto durante la notte di nozze. Come orribile aperitivo, 1794 inizia narrando la trasferta su un’isola caraibica, allora possesso della Svezia, da parte di Erik Tre Rosor che in quel luogo sperduto inizierà la sua vita da adulto tra il disumano trattamento degli schiavi che vi vengono portati e l’impersonificazione del male, un uomo che lo condurrà alla rovina. Tre Rosor, giovane marito della ragazza assassinata, viene ritenuto il colpevole dell’efferato delitto, ma la verità è ben altra e si dipana tra manicomi mostruosi, sette dedite al male e una congerie di orripilanti vite che si attorcigliano per stritolare la perduta Svezia d’antan scaturita dalla penna di Och Dag.

Edizione: Einaudi, 2020; 544 pagine.
Edizione: Einaudi, 2020; 544 pagine.

Recensione apparsa su ExtraSette n. 51, 2020

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Libri
  • 1

    L’albero della speranza

    Narrativa

    Nel suo nuovo romanzo ambientato nell’Alto Milanese, «Il pioppo del Sempione», Giuseppe Lupo intreccia storie di migranti e ricordi personali in una vicenda di integrazione, memoria e identità perdute da ricostruire

  • 2

    Elogio dell’utopia

    l’intervista

    L’uscita in libreria dell’ultimo imponente romanzo di Marco Alloni «Il quaderno di Kavafis» ci offre l’occasione per discutere con l’autore di letteratura, politica e utopia

  • 3

    Leggendo le nostre città

    territorio

    Usando il linguaggio del narratore Gianni Biondillo, tra ricordi, riscoperte e incontri, racconta l’anima delle metropoli moderne stilando un appassionato prontuario di seduzione urbana che tutti faremmo bene a conoscere

  • 4
  • 5
  • 1
  • 1