Le catene di Isella anelano al senso delle cose

Recensione

Raccolti in un libro i pensieri recenti del poeta a proposito del senso/non senso delle cose che ci circondano

Le catene di Isella anelano al senso delle cose
Un dettaglio della copertina con l’immagine «Flusso» di Enrico Della Torre, 2009, acquaforte e acquerello. © ProLitteris

Le catene di Isella anelano al senso delle cose

Un dettaglio della copertina con l’immagine «Flusso» di Enrico Della Torre, 2009, acquaforte e acquerello. © ProLitteris

Un prezioso libretto edito da «alla Chiara Fonte» dal titolo Catene smarrite e illustrato dall’artista Enrico Della Torre fa da cornice ai pensieri recenti del poeta Gilberto Isella a proposito del senso/non senso delle cose (dei fatti, dei vissuti) che ci circondano. Diviso in tre parti, «Orifizi», «Anelli, catene» e «Ecosistemi da sfogliare soltanto», dense di componimenti divertenti, disillusi e dissacranti, disteso su partiture di ritmo in perenne corsa verso ciò che connatura l’essere uomo – la ricerca di una scintilla di umanità nelle cose che ci circondano – il libro di Isella concatena e poi distrugge («Noi ignoriamo del tutto tale coordinazione e concatenazione delle cose, cioè in che modo le cose siano in realtà ordinate e concatenate», Baruch Spinoza) il discorso di conoscenza per tentare una via più ardua, ma forse più gratificante, al significato: quella poetica. «Arduo spettacolo l’uomo, / il suo mondo girevole sospeso / a una barretta di piccoli punti, / arcobaleno effimero / ostaggio del nero // Amore e spasmo / assegnati a landa graveolente, / il medesimo sito / dove un mantice solingo / ignaro del male / aspirò un giorno l’ebbrezza / che vien dal cinnamomo» scrive Isella. Se l’anelito al senso rimane, il poeta continuerà a cercare.

Editore alla Chiara Fonte, 2020; 76 pagine.
Editore alla Chiara Fonte, 2020; 76 pagine.

Recensione apparsa su ExtraSette n. 50, 2020

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Libri
  • 1

    L’albero della speranza

    Narrativa

    Nel suo nuovo romanzo ambientato nell’Alto Milanese, «Il pioppo del Sempione», Giuseppe Lupo intreccia storie di migranti e ricordi personali in una vicenda di integrazione, memoria e identità perdute da ricostruire

  • 2

    Elogio dell’utopia

    l’intervista

    L’uscita in libreria dell’ultimo imponente romanzo di Marco Alloni «Il quaderno di Kavafis» ci offre l’occasione per discutere con l’autore di letteratura, politica e utopia

  • 3

    Leggendo le nostre città

    territorio

    Usando il linguaggio del narratore Gianni Biondillo, tra ricordi, riscoperte e incontri, racconta l’anima delle metropoli moderne stilando un appassionato prontuario di seduzione urbana che tutti faremmo bene a conoscere

  • 4
  • 5
  • 1
  • 1