Libertà, chi era costei?

Recensione

Luca Jaeggli, da produttore cinematografico a scrittore di romanzi con «Quando i gabbiani volano verso terra»

Libertà, chi era costei?
Un dettaglio della copertina.

Libertà, chi era costei?

Un dettaglio della copertina.

Luca Jaeggli esordisce come scrittore di romanzi con Quando i gabbiani volano verso terra, una storia che viene raccontata come una fuga esistenziale da una vita troppo precisa, troppo dedita ai compromessi e, persino, troppo dipendente dal benessere materiale. Che non necessariamente comporta il benessere dell’anima, come è risaputo. Soprattutto negli individui che, sotto sotto, amano l’avventura, la vita libera e improvvisata, magari con un gruppo di amici sinceri e accanto a una donna non legata da vincoli materiali. Insomma, quando Louis Blanc, dirigente di una rinomata agenzia di assicurazioni luganese, viene sequestrato per un paio d’ore e derubato da due balordi, la prima cosa che gli viene in mente è quella di continuare questa (dis)avventura. È già vestito come un barbone – c’è stato uno scambio di abiti – ed è pronto ad accettare un passaggio da un TIR disponibile. Da lì in poi la sua vita cambierà totalmente dal momento che si abbandonerà a piccoli furti, all’amoreggiare con una procace locandiera, alla vita di mare in cui lo coinvolge il capitano della nave «Argo», il siriano Jamaal. Sulla nave, mentre i gabbiani volano verso terra presentendo aria di tempesta, ci saranno regolamenti di conti e altre baruffe, ma alla fine Louis, come l’altrettanto avventuroso amico Max, saprà fare tesoro del dono della libertà, che è grande come il mare e ampia come la nostra mente.

Armando Dadò Editore, 2020; 112 pagine.
Armando Dadò Editore, 2020; 112 pagine.

Recensione apparsa su ExtraSette n. 49, 2020

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Libri
  • 1

    L’albero della speranza

    Narrativa

    Nel suo nuovo romanzo ambientato nell’Alto Milanese, «Il pioppo del Sempione», Giuseppe Lupo intreccia storie di migranti e ricordi personali in una vicenda di integrazione, memoria e identità perdute da ricostruire

  • 2

    Elogio dell’utopia

    l’intervista

    L’uscita in libreria dell’ultimo imponente romanzo di Marco Alloni «Il quaderno di Kavafis» ci offre l’occasione per discutere con l’autore di letteratura, politica e utopia

  • 3

    Leggendo le nostre città

    territorio

    Usando il linguaggio del narratore Gianni Biondillo, tra ricordi, riscoperte e incontri, racconta l’anima delle metropoli moderne stilando un appassionato prontuario di seduzione urbana che tutti faremmo bene a conoscere

  • 4
  • 5
  • 1
  • 1