Svizzera, un’invasione rischiata

Recensione

Lo storico militare italiano Leonardo Malatesta rievoca la paventata ma irrealizzata manovra bellica per conquistare il territorio rossocrociato nei piani di guerra italiani dal 1861 al 1943

Svizzera, un’invasione rischiata
Un dettaglio della copertina.

Svizzera, un’invasione rischiata

Un dettaglio della copertina.

Durante la seconda guerra mondiale, la più grande, la più terribile, la più coinvolgente fra le guerre, un paese in mezzo all’Europa resta neutrale e non viene coinvolto nello scontro bellico. Si tratta della Svizzera, naturalmente. Gli storici si dividono sul «perché» della mancata aggressione di Germania e Italia nei confronti elvetici dopo lo scoppio delle ostilità europee. Il fatto che tedeschi e italiani «ci abbiano pensato» è tuttavia inoppugnabile e storicamente provato. Ecco allora un libro, L’invasione della Svizzera – Piani di guerra italiani dal 1861 al 1943, che dà conto delle strategie «da Sud» di questa paventata ma per fortuna irrealizzata manovra bellica. Insomma, il piano di invasione italiano della Svizzera c’era ed era dettagliato in ogni sua parte. Il volume scritto dallo storico militare italiano Leonardo Malatesta, corredato da una prefazione del consigliere di Stato ticinese Norman Gobbi, non si limita però alle direttive del cosiddetto «piano Vercellino» (dal nome dell’ideatore, il generale Mario Vercellino), il piano concreto di invasione degli anni ’30-’40, spazia in realtà su tutta una serie di premesse militari-strategiche che caratterizzano la posizione della Svizzera dal 1861, ovvero dall’unità d’Italia. Documenti, considerazioni, analisi, evidenza degli armamenti, tattiche, previsioni e quant’altro compongono questo interessante volume storico.

Armando Dadò Editore, 2020; 416 pagine.
Armando Dadò Editore, 2020; 416 pagine.

Recensione apparsa su ExtraSette n. 31, 2020

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Libri
  • 1
  • 1