Il personaggio

Addio Kenzo, stilista
tra eleganza e gioco

Addio Kenzo, stilista<br />tra eleganza e gioco
Il designer ottantunenne giapponese a causa del suo stato di salute non aveva presenziato neppure alla sfilata del suo marchio lo scorso 30 settembre

Addio Kenzo, stilista
tra eleganza e gioco

Il designer ottantunenne giapponese a causa del suo stato di salute non aveva presenziato neppure alla sfilata del suo marchio lo scorso 30 settembre

Il mondo della moda piange la scomparsa del grande stilista Kenzo Takada, venuto a mancare per le complicanze dovute alla COVID-19.
Il designer ottantunenne giapponese, quinto di sette figli, a causa del suo stato di salute non aveva presenziato neppure alla sfilata del suo marchio lo scorso 30 settembre. Residente orami da molti anni a Parigi, si è spento all’ospedale americano di Neully-sur-Seine domenica 4 ottobre.
Ritenuto un vero genio della moda, le sue collezioni erano un mix di colori accesi, stampe animalier, fiori; da oltre vent’anni il suo marchio era stato rilevato dal colosso Lvmh.

Loading the player...
GUARDA IL VIDEO — Addio a Kenzo, stilista tra eleganza e gioco con il commento di Valentino Odorico

Nato il 27 febbraio del 1939 a Himeniji, il suo percorso è stato anomalo: prima della moda studia letteratura a Kyoto per poi abbandonare l’università e iniziare la sua formazione al Bunka Fashion College di Tokyo, famosa scuola di moda giapponese; Kenzo è stato il primo studente maschio in quanto, fino ad allora, la scuola era esclusivamente femminile.
Disegna una serie di look da donna, ogni mese, su commessa dei magazzini Sanai che diventano il suo primo datore di lavoro.

Nel 1964 capisce che deve fare un passo ulteriore per emergere e si trasferisce a Parigi: da lì prende il via il suo cammino che lo porterà fino all’olimpo dei grandi nomi della moda internazionale.
Nel 1970 apre la sua prima boutique e l’anno successivo una sua modella appare sulla copertina di Elle. Da allora il successo è stato sempre in crescendo.
I suoi abiti, i suoi tagli inusuali e innovativi vengono subito apprezzati da pubblico e critica.

Celebri le due sfilate del 1978 e del 1979 tenute all’interno del tendone di un circo, con la sua uscita davanti al pubblico sul dorso di un elefante.
Realizza anche costumi per il mondo del cinema e per spettacoli teatrali.
Nel 1983 lancia la prima linea maschile e nel 1988 il primo profumo. Nel 1999 si ritira dalle scene: alla guida creativa della sua maison si sono alternati Antonio Marras (2003-2011), Humberto Leon e Carol Lim (2011-2019) e, da quest’anno, il portoghese Felipe Oliveira Baptista.
Nel 2002 è riapparso sulle scene nella veste di decoratore di interni, lanciando una linea di complementi d’arredo e mobili.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lifestyle
  • 1
    La tendenza

    Il color cammello
    conquista l’autunno

    Una tinta declinata in tutte le sue sfumature, da quelle più calde a quelle più zuccherine e bruciate del caramello, conquista un posto privilegiato nelle tendenze

  • 2
    L’infografica

    Segreti e curiosità
    nascosti nei baci

    Un gesto naturale, ma oggetto di parecchi studi scientifici dai risultati sorprendenti: come l’aumento dell’aspettativa di vita di almeno cinque anni

  • 3
    Design

    Un look perfetto
    al primo appuntamento

    Per dare una buona impressione di sé bisogna presentarsi con un look curato: l’importante è mantenere il proprio stile e la propria spontaneità

  • 4
    Le tendenze

    Un’estate sostenibile
    e in movimento

    Appena concluse le passerelle di Milano e Parigi per una stagione calda all’insegna della comodità, dei volumi insoliti e un tocco di romanticismo

  • 5
  • 1