Bellezza

Beauty case in ordine
in poche semplici mosse

Beauty case in ordine <br />in poche semplici mosse
Gli step per organizzare i cosmetici, gli strumenti e gli accessori che si utilizzano più spesso, dal decluttering dei prodotti scaduti alla detersione e igienizzazione

Beauty case in ordine
in poche semplici mosse

Gli step per organizzare i cosmetici, gli strumenti e gli accessori che si utilizzano più spesso, dal decluttering dei prodotti scaduti alla detersione e igienizzazione

Tra i lavori casalinghi che andrebbero svolti un paio di volte all’anno c’è il riordino del beauty case e degli scaffali di cosmetici. I periodi migliori sono la primavera e l’autunno, quando cambia la beauty routine ed è il momento di verificare quali prodotti occorre ricomprare, tra quelli finiti e quelli scaduti.

La procedura è più veloce di quanto si possa pensare, l’importante è procedere per ordine. La prima cosa da fare è raggruppare tutto ciò che si possiede su una superficie sufficientemente ampia, ricordando di unire a tutto ciò che si ha in bagno e in camera anche gli oggetti che si tengono nella propria borsa e dei beauty da viaggio. Avere tutto di fronte permette di passare in rassegna trucchi, creme e sieri e decidere cosa eliminare. Tutti questi prodotti hanno infatti una scadenza e un simbolo che contiene il numero dei mesi di durata dal momento dell’apertura dopo i quali non è garantita l’integrità. In generale, i fluidi durano sei mesi, le polveri e le matite circa due anni e i rossetti anche cinque, ma occorre verificare caso per caso. Smistarli in questo modo è utile per alleggerire il beauty case e stabilire cosa va ricomprato e cosa va messo da parte perché non si utilizzerà più.

Il secondo step è dedicarsi alla pulizia di spugnette, blender, pennelli da trucco, strumenti per manicure e pedicure, piastra, spazzole e contenitori. Per quanto riguarda spugne e pennelli l’ideale sarebbe lavarli quotidianamente o minimo una volta a settimana, dato che la sporcizia e i batteri possono dare origine a irritazioni e imperfezioni cutanee. Come procedere? Vanno bagnati e insaponati con un detergente delicato, poi risciacquati con cura e messi ad asciugare lontano da fonti di calore senza appoggiare le setole alle superfici. Per igienizzarli possono anche essere immersi qualche minuto in un po’ di alcol.

Passando poi alla piastra per capelli, il consiglio è utilizzare un solvente per unghie su un dischetto di cotone (e non salviette umidificate, che potrebbero lasciare residui pericolosi con il calore) per pulire le lamelle da spray, oli e prodotti utilizzati sulla chioma.

Subito dopo è il momento di spazzole e pettini. Rimuovere i capelli che si accumulano non è infatti sufficiente: occorre una vera detersione. Si può utilizzare una soluzione di acqua e aceto bianco oppure acqua calda e bicarbonato in cui immergere i propri utensili per qualche minuto. L’asciugatura deve poi essere accurata, per evitare che l’umidità ristagni.

Infine, è il turno di forbicine, pinzette, tronchesini e di tutti gli altri oggetti in metallo che non essendo usa e getta necessitano di pulizia periodica. Per disinfettarli si può utilizzare acqua calda, acqua ossigenata o alcol e vanno strofinati per rimuovere ogni residuo. Anche in questo caso, dopo l’asciugatura meglio lasciarli un po’ all’aria.

Il lavoro sarà terminato solo quando saranno puliti anche tutti i contenitori e le bustine. A questo punto si potrà riporre tutto, cercando di essere il più possibile ordinati nel suddividere o raggruppare le cose per tipologia e per occasione d’uso.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lifestyle
  • 1