MODA

Il ritorno della tuta jeans

 Il ritorno della tuta jeans
In questa nuova puntata Erika, la nostra stylist fiorentina, mostrerà come rendere attuale la tuta, un evergreen della moda. Scoprite nel video tutti gli accessori per essere al top

Il ritorno della tuta jeans

In questa nuova puntata Erika, la nostra stylist fiorentina, mostrerà come rendere attuale la tuta, un evergreen della moda. Scoprite nel video tutti gli accessori per essere al top

La tuta di jeans è un altro capo di tendenza della primavera estate 2020. Poco importa dove lo comprate, basta azzeccare i giusti abbinamenti, come quelli suggeriti da Erika Costa in questa nuova puntata.

Loading the player...

La tuta non è un capo qualunque. Nello scorso secolo fu simbolo dell’anticonformismo e del femminismo. Nate come abiti da lavoro, le prime tute da donna furono disegnate nel 1911 dallo stilista francese Paul Poiret. Era un abito con pantaloni molti ampi e separati in fondo, chiamati “pantaloni harem”, al posto della gonna.

Simbolo di indipendenza femminile e anticonformismo - come ricorda il sito Post.it - negli anni ’20 erano indossate da pilote, aviatrici e sportive. Tuttavia con lo scoppio della Seconda guerra mondiale tornarono a essere capi pratici per lavorare.

Bisogna attendere fino agli anni ’60 per una nuova versione elegante: venne presentata a Palazzo Pitti a Firenze dalla principessa stilista Irene Galitzine, che vestì donne celebri come Sophia Loren, Liz Taylor e Jackie Kennedy.

Nel frattempo però fuori dai salotti divennero un simbolo dell’anti - moda e portate con lo stesso spirito rivoluzionario dei movimenti di avanguardia d’inizio secolo.

Con il passare degli anni la tuta è diventata un abito facile da indossare: sta più o meno bene a tutte le forme del corpo e con poco può diventare più o meno elegante.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Lifestyle
  • 1