Intrattenimento

L’universo dei podcast:
contenuti da ascoltare

L’universo dei podcast: <br />contenuti da ascoltare
Il loro successo cresce anno dopo anno, andando a coinvolgere un pubblico molto vario. Per farsi conquistare basta un paio di cuffie

L’universo dei podcast:
contenuti da ascoltare

Il loro successo cresce anno dopo anno, andando a coinvolgere un pubblico molto vario. Per farsi conquistare basta un paio di cuffie

Il loro successo è cresciuto negli anni e c’è da scommettere che, in tempi di Coronavirus, gli ascoltatori e i nuovi fruitori saranno senz’altro aumentati ulteriormente. Parlare di podcast significa fare riferimento a un prodotto che ormai ha saputo conquistare un grande numero di appassionati, coinvolgendo utenti diversi: dagli amanti del medium radiofonico a quelli che apprezzano le narrazioni seriali, per arrivare ai semplici curiosi, che magari scelgono di seguirne uno solo perché interessati dal tema o dall’argomento trattato.

Ma cosa sono i podcast? Si tratta di programmi audio, solitamente suddivisi a puntate o a episodi, che si scaricano da Internet attraverso apposite piattaforme e possono essere ascoltati attraverso lo smartphone (in fondo non basta altro che un paio di auricolari) o dai siti web di coloro che l’hanno prodotto. Nati all’inizio degli anni Duemila con la diffusione del formato audio che si poteva scaricare facilmente e ascoltare gratuitamente sul proprio iPod – il nome stesso rimanda a questo dispositivo – i podcast si sono via via evoluti e diversificati, puntando sui loro punti di forza. Tra questi, il fatto di non avere tempi, durate e pause prestabilite come un programma radiofonico e la possibilità di andare ad affrontare, in maniera sempre più creativa e coinvolgente, una grande varietà di argomenti.

Si trovano inchieste (come non citare “Veleno”, un grande successo che ha riportato alla luce un inquietante fatto di cronaca tra satanismo e pedofilia?), radiodrammi, racconti seriali, ma anche trasmissioni che vanno ad approfondire argomenti specifici di settori di nicchia, bollettini sulle notizie di attualità, podcast di crescita personale o incentrati su argomenti legati a scienza e tecnologia. Insomma, la proposta è davvero molto ampia e non basta che andare alla ricerca di quello o di quelli che interessano di più.

Non va poi dimenticato che i podcast possono essere ascoltati ogni volta che si vuole: possono essere infatti fruiti in streaming, ma anche archiviati e ascoltati in modalità offline in seguito. Un’ulteriore comodità che ne determina il successo. Ad oggi, si stima che la produzione mondiale ammonti a oltre 800mila podcast per 62 milioni di ascoltatori globali a settimana. Il 2019 è stato un anno particolarmente positivo: la ricerca “The State of Podcast Universe” realizzata da Voxnest ha evidenziato come a gennaio i download fossero circa 27 milioni, per arrivare a 55 milioni nell’ultimo mese.

Come entrare in questo universo? Niente di più semplice: basta scegliere un’app – le più note sono Apple Podcast (solo per sistemi iOS), Google Podcasts (per Android), Spotify e Spreaker –, trovare il podcast che più interessa e mettersi in ascolto.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lifestyle
  • 1