Capelli

Questione di nodi:
come disfarsene

Questione di nodi: <br />come disfarsene
Ogni chioma in buona salute e mediamente idratata sviluppa questa tendenza: ecco qualche consiglio per contrastarla al meglio

Questione di nodi:
come disfarsene

Ogni chioma in buona salute e mediamente idratata sviluppa questa tendenza: ecco qualche consiglio per contrastarla al meglio

I nodi fanno parte della vita, alcuni si fanno e altri si disfano. Ma come comportarsi con i nodi ai capelli? A volte, infatti, districarli non è per nulla semplice. Il vento, l’aridità della cute, la mancanza di attenzione nella cura quotidiana sono alcuni tra i principali indiziati nel creare il disagio che molte donne conoscono bene. Una premessa prima di vedere le tecniche più efficaci per prevenire la loro formazione è d’obbligo: ogni chioma in buona salute e mediamente idratata sviluppa la tendenza al nodo. Vediamolo, dunque, come un limite naturale e in quanto tale da non combattere con accanimento. Esistono piuttosto delle accortezze, a partire da una costante e delicata spazzolatura del capello.

I momenti indicati per dedicare qualche minuto a quest’azione sono la mattina e la sera e, a seconda delle specificità, può essere utile utilizzare un pettine e non una spazzola, perché i denti stretti e sottili del primo districano efficacemente e prevengono la formazione di nuovi nodi. Spesso questi fanno la loro comparsa sulle lunghezze, che non a caso sono la parte più indebolita dall’esposizione agli agenti esterni (vento, sfregamento con il cuscino quando dormiamo, con gli abiti e le spalle durante il giorno). Per questo motivo il taglio frequente delle punte può rappresentare una buona soluzione.

Nei saloni dei professionisti delle chiome un altro alleato è il trattamento specifico a base di cheratina, che ricostruisce la fibra in profondità e fortifica le punte più sfibrate. Nella quotidianità, però, non si può ricorrere continuamente alla «spuntatina» del parrucchiere o ai trattamenti professionali che vanno dilazionati nel tempo, per cui il suggerimento è di munirsi di prodotti per la cute a uso settimanale, come le maschere per capelli.

Sul mercato ce ne sono per tutti i tipi di capello, anche per quelli più soggetti alla creazione di nodi – ovvero le chiome tendenzialmente lunghe e secche, ancor più se crespe, ricce o dalla consistenza piatta. Per chi è appassionato di miscele fai-da-te, poi, si schiude un ulteriore microcosmo, fatto di maschere a base di prodotti naturali facili da realizzare ed efficaci. Per scoraggiare il formarsi di nodi è importante bilanciare la propria maschera con un elemento ammorbidente, come per esempio l’olio d’oliva. Un ultimo trucco veloce e comodo? Legarsi i capelli in una coda di cavallo o in una treccia permette di evitare che i capelli si annodino. L’importante è che l’elastico sia di tessuto e che non venga stretto troppo.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lifestyle
  • 1