A Londra festa salatissima per l’uscita dall’UE

Il rintocco del Big Ben

Mezzo milione di sterline per riattivare nella sera del 31 gennaio la campana più grande dell’orologio di Westminster

 A Londra festa salatissima per l’uscita dall’UE
L’orologio di Westminster è silenzioso dal 2017, quando sono cominciati i lavori di restauro. ©EPA/Will Oliver

A Londra festa salatissima per l’uscita dall’UE

L’orologio di Westminster è silenzioso dal 2017, quando sono cominciati i lavori di restauro. ©EPA/Will Oliver

Londra vuole organizzare i festeggiamenti per il 31 gennaio, data dell’uscita del Regno Unito dall’UE, ma è già polemica sui preparativi. Tutti concordano che il luogo giusto per celebrare la Brexit sia la piazza del Parlamento e che l’occasione andrebbe commemorata con il tradizionale rintocco del Big Ben alla mezzanotte ora europea. Il problema è che l’orologio di Westminster...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1

    Tre palestinesi uccisi a Gaza

    tensione

    I tre uomini avevano oltrepassato la recinzione nella zona sud della Striscia ed erano entrati in una radura vicino al confine - Le forze armate hanno aperto il fuoco, uccidendoli

  • 2
  • 3

    Il Libano ha un nuovo governo

    politica

    Il premieri, Hassan Diab, vicino agli Hezbollah filo-iraniani, è incaricato di traghettare il Paese attraverso la più grave crisi economica e politica vissuta dopo la fine della guerra civile trent’anni fa

  • 4

    Anche il Ticino si prepara al misterioso virus cinese

    sanità

    Per il momento la possibilità che arrivi da noi qualcuno da Wuhan sono «piuttosto basse», eppure «l’EOC sta allestendo un protocollo di emergenza», come spiega Enos Bernasconi, responsabile del servizio malattie infettive dell’Ente Ospedaliero

  • 5

    Proteste in Francia, il sindacato lascia al buio Parigi

    tensioni

    Diversi comuni dell’hinterland parigino sono rimasti senza corrente elettrica a causa di un nuovo eclatante blitz, rivendicato dal sindacato CGT Energie che si oppone al piano previdenziale di Macron - Furioso il governo che ha tuonato contro un gesto «scandaloso» e «irresponsabile»

  • 1
  • 1