Attentato contro i militari italiani in Iraq, tre in gravi condizioni

attacco

Cinque soldati sono rimasti feriti, a uno di loro è stata amputata una gamba - Un ordigno rudimentale è scoppiato al transito di un team misto di forze speciali

Attentato contro i militari italiani in Iraq, tre in gravi condizioni
© CdT/Archivio

Attentato contro i militari italiani in Iraq, tre in gravi condizioni

© CdT/Archivio

(Aggiornato alle 18.03) Attentato esplosivo contro militari italiani in Iraq: cinque i feriti, di cui tre in gravi condizioni. Lo apprende l’ANSA da fonti della Difesa italiana.

L’attentato contro i militari italiani - secondo quanto appreso dall’ANSA - è avvenuto intorno alle 11 locali, nella zona di Suleymania, nel Kurdistan iracheno. Ad essere coinvolti sono stati i commandos della task force presente in quell’area, che stava svolgendo un’attività di supporto ad una unità di forze speciali dei Peshmerga.

I cinque militari coinvolti dall’esplosione sono stati subito soccorsi, evacuati con elicotteri USA facenti parte della coalizione e trasportati in un ospedale «Role 3» dove stanno ricevendo le cure del caso. I tre militari italiani rimasti più gravemente feriti dei cinque coinvolti nell’attentato di oggi in Iraq hanno tutti riportato serie lesioni alle gambe: per uno, secondo quanto si è appreso, è stato necessario ricorrere ad una amputazione parziale di una gamba.

L’ordigno rudimentale li avrebbe colpiti durante una missione a piedi, condotta insieme alle forze di sicurezza irachene che stanno addestrando.

I cinque feriti, sempre secondo quanto è stato possibile apprendere, sono tre incursori della Marina (appartenenti al Goi, il Gruppo operativo incursori) e due dell’Esercito (9/o Col Moschin).

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1