Biden rompe il silenzio: «La missione USA non era costruire una nazione»

AFGHANISTAN

Il presidente americano, dalla Casa Bianca, parla ai suoi cittadini e al mondo, mentre i talebani sono ormai al potere – «Sostengo fermamente il ritiro dal Paese, gli americani non combatteranno al posto degli afghani»

Biden rompe il silenzio: «La missione USA non era costruire una nazione»
© KEYSTONE (EPA/Oliver Contreras)

Biden rompe il silenzio: «La missione USA non era costruire una nazione»

© KEYSTONE (EPA/Oliver Contreras)

Joe Biden ha lasciato il solitario bunker di Camp David per tornare alla Casa Bianca e parlare alla nazione (e difendersi) del ritiro dall’Afghanistan, mentre i talebani si sono presi anche Kabul e ovunque è scoppiato il caos. «La nostra missione lì non ha mai mirato a costruire una nazione - ha esordito il presidente USA -. Non era previsto che creassimo una democrazia centralizzata e unita. Il nostro unico interesse rimane quello che è sempre stato: evitare un attacco terroristico sul suolo americano. La scelta che avevo - ha aggiunto - era proseguire l’accordo negoziato da Donald Trump con i talebani o tornare a combattere».

Il presidente ha quindi aggiunto: «Siamo andati in Afghanistan quasi 20 anni fa con obiettivi chiari: colpire chi ci aveva attaccato l’11 settembre 2001 e assicurarci che al Qaida non usasse l’Afghanistan come base. Lo abbiamo fatto. Non abbiamo mai smesso di dare la caccia a Bin Laden e lo abbiamo ucciso». E ha aggiunto che, «se necessario», gli USA condurranno azioni antiterroristiche nel Paese. E non ha intenzione neppure di restare con le mani in mano qualora qualcosa nelle prossime ore andasse storto: «Se i talebani attaccheranno gli interessi americani, in particolare durante le operazioni di evacuazione dei cittadini USA a Kabul, la risposta sarà devastante, rapida e potente».

Biden ha quindi difeso «fermamente» la decisione di ritirare le truppe dall’Afghanistan, sostenendo di aver fatto «l’interesse nazionale», pur riconoscendo che il Paese è caduto «più rapidamente del previsto». «Gli americani - ha poi aggiunto nel discorso alla nazione - non faranno quello che neppure gli afghani hanno intenzione di fare», ossia combattere (e morire) per la nazione.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1