«Bin Salman autorizzò il blitz per uccidere Khashoggi»

Estero

Lo afferma un rapporto dell’intelligence americana - Intanto il Dipartimento di Stato USA ha varato il ban per punire tutte le persone che partecipano in attività contro i dissidenti

«Bin Salman autorizzò il blitz per uccidere Khashoggi»
© AP Photo/Alastair Grant

«Bin Salman autorizzò il blitz per uccidere Khashoggi»

© AP Photo/Alastair Grant

Il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman ha «autorizzato» un’operazione per «catturare o uccidere» il giornalista dissidente Jamal Khashoggi. Lo afferma un rapporto dell’intelligence Usa diffuso oggi dall’amministrazione Biden dopo averlo declassificato, secondo quanto riferito dai media americani.

Il principe ereditario saudita vedeva il giornalista dissidente come una minaccia al regno e sostenne ampiamente l’uso della violenza se necessario per metterlo a tacere. Il rapporto dell’intelligence Usa elenca 21 persone che gli 007 americani ritengono con «alta fiducia» complici o responsabili per la morte del giornalista per conto di Mohammed bin Salman.

A riguardo di questo caso, il Dipartimento di Stato Usa ha varato la cosiddetta ‘Khashoggi policy’ o ‘Khashoggi ban’ per punire tutte le persone che, agendo in nome di un governo, si pensa abbiano direttamente partecipato o partecipino in attività contro i dissidenti «gravi e di natura extraterritoriale». Lo riporta l’agenzia Bloomberg. L’amministrazione Usa avrebbe già identificato 76 persone che potrebbero essere sanzionate. Tra le misure il ritiro o la restrizione dei visti.

Tuttavia pare che il principe saudita bin Salman non sarà colpito da sanzioni Usa. Il Tesoro americano si appresta invece a varare sanzioni sul generale saudita Ahmed al-Asiri, ex vice responsabile dei servizi di intelligence di Riad, per l’assassinio Khashoggi. Sanzioni anche per la Saudi Rapid Intervention Force coinvolta nell’omicidio.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1