Blinken: «Al Qaida degradata in modo significativo»

Stati Uniti

Secondo il segretario di stato il gruppo terroristico ha perso la capacità di pianificare e condurre operazioni esterne

Blinken: «Al Qaida degradata in modo significativo»
© AP/Olivier Douliery

Blinken: «Al Qaida degradata in modo significativo»

© AP/Olivier Douliery

Al Qaida è stata «significativamente degradata» dalla guerra statunitense in Afghanistan e ha perso la capacità di pianificare e condurre operazioni esterne: lo ha detto il segretario di stato statunitense Antony Blinken nella sua testimonianza alla Camera sull’Afghanistan, difendendo l’operato dell’amministrazione Biden e ribadendo che era «il momento di terminare la più lunga guerra americana» perché «non c’era alcuna prova che continuarla avrebbe aiutato gli afghani».

Nella sua audizione Blinken ha attaccato Donald Trump per la gestione dell’accordo con i talebani, sostenendo che sotto la sua presidenza gli studenti coranici si impossessarono di aree remote, strade ed altre infrastrutture del Paese. «A gennaio 2021 i talebani erano nella posizione militare più forte dagli attacchi dell’11 settembre» e gli Usa «avevano il contingente più piccolo di truppe», ha accusato.

Blinken ha poi ricordato che Trump acconsentì al rilascio di 5000 talebani, comandanti compresi. Da lui e dalla sua amministrazione, ha aggiunto, «abbiamo ereditato una deadline, non un piano per il ritiro». Il segretario di stato ha anche riferito che quando Biden si insediò il programma per i Siv, i visti speciali di immigrazione per gli afghani alleati, era «fondamentalmente in stallo».

Nella sua audizione Blinken ha attaccato Donald Trump per la gestione dell’accordo con i talebani, sostenendo che sotto la sua presidenza gli studenti coranici si impossessarono di aree remote, strade ed altre infrastrutture del Paese. «A gennaio 2021 i talebani erano nella posizione militare più forte dagli attacchi dell’ 11 settembre» e gli Stati Uniti «avevano il contingente più piccolo di truppe», ha accusato.

Blinken, che ha confermato lo stanziamento degli Stati Uniti di altri 64 milioni di dollari per nuovi aiuti agli afghani, ha dichiarato che gli Usa riterranno i talebani responsabili della prevenzione di attacchi terroristici dal loro Paese. «Questo non significa che ci fideremo di loro», ha precisato.

Il segretario di stato USA ha poi assicurato che gli Stati Uniti continuano gli «sforzi incessanti» per salvare ed evacuare i cittadini americani e gli afghani alleati che vogliono lasciare il Paese. Gli Stati Uniti - ha detto Blinken - sono in contatti con «circa 100 americani» che vogliano lasciare l’Afghanistan.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 2

    Malpensa allagata: salvate 10 persone rimaste bloccate in auto

    italia

    Il nubifragio di questo pomeriggio ha obbligato lo scalo a una sospensione temporanea dei voli - Per l’evacuazione di altre trenta persone rimaste bloccate dall’acqua nella zona cargo, i vigili del fuoco hanno dovuto utilizzare un gommone - Foto e video

  • 3

    Il testamento del principe Filippo resta segreto

    gran bretagna

    È quanto stabilito dall’Alta Corte di Londra, confermando un’eccezione rispetto alla consuetudine prevista per la morte di un membro anziano della famiglia reale - «Tutela la dignità della regina e del suo ruolo costituzionale»

  • 4
  • 5

    Il patto che esclude l’Europa

    politica estera

    L’alleanza anglosassone fra Stati Uniti, Regno Unito e Australia per fronteggiare l’influenza della Cina nella zona indo-pacifica non prevede il coinvolgimento di Bruxelles - La Francia perde un contratto da oltre 50 miliardi di euro - Gramaglia: «La toppa è peggio del buco»

  • 1
  • 1