Brexit, scatta la stretta sull’immigrazione

Regno Unito

Operativo il sistema online riservato ai cittadini stranieri che dal primo gennaio dovranno richiedere obbligatoriamente un visto se vorranno sbarcare Oltremanica per motivi di lavoro

 Brexit, scatta la stretta sull’immigrazione
©AP Photo/Frank Augstein

Brexit, scatta la stretta sull’immigrazione

©AP Photo/Frank Augstein

È da oggi operativo nel Regno Unito l’annunciato sistema online riservato ai cittadini stranieri - inclusi quelli di tutti i Paesi dell’UE - che dal primo gennaio, scaduto il periodo dello status quo della transizione post divorzio, dovranno richiedere obbligatoriamente un visto se vorranno sbarcare Oltremanica per motivi di lavoro.

Il governo conservatore di Boris Johnson ha ribadito in queste ore che il sistema sarà «semplice e flessibile», ma comunque si tratta di uno dei riflessi della stretta sull’immigrazione fatta approvare nei mesi scorsi dallo stesso esecutivo in vista del dopo Brexit: con la prevista fine della libertà di movimento attraverso i confini europei e l’equiparazione delle regole d’ingresso fra lavoratori del Vecchio Continente ed extracomunitari.

Stando alla legge illustrata a suo tempo dalla ministra dell’interno, Priti Patel, e poi sottoposta al parlamento di Westminster, il flusso migratorio verso l’isola sarà regolato dall’inizio del 2021 da un meccanismo a punti, analogo a quello introdotto anni fa dall’Australia, in base al quale sarà garantita la precedenza - a prescindere dall’origine europea o meno - ai candidati lavoratori accreditati da un punteggio più elevato in termini di qualità professionali, titoli di studio, padronanza dell’inglese.

Chi vorrà ottenere un visto privilegiato da «lavoratore qualificato» - ricorda oggi la BBC - dovrà poter contare già in partenza su un’offerta d’impiego da parte di un datore di lavoro basato nel Regno, con un salario annuale minimo di 25.600 sterline (30.194 franchi). Il governo di Johnson ha comunque delineato facilitazioni ad hoc per alcuni settori (come la sanità e altri) più legati alla necessità attuale di manodopera d’importazione.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1