C’è chi accusa Israele e chi accusa Hezbollah

Libano

Gli analisti dipingono diversi scenari per le esplosioni avvenute a Beirut, ma si fa strada l’ipotesi che l’incidente sia stato causato dall’incuria di una serie di funzionari

 C’è chi accusa Israele e chi accusa Hezbollah
©EPA/ABIR SULTAN

C’è chi accusa Israele e chi accusa Hezbollah

©EPA/ABIR SULTAN

C’è chi accusa Israele di aver innescato la sequenza esplosiva che ha devastato Beirut e chi punta invece il dito contro Hezbollah, colpevole di aver lasciato depositi di armi nel porto di Beirut nel pieno centro della città.

In mezzo a queste accuse, che compaiono in diverse analisi più o meno partigiane, si sta facendo strada l’ipotesi, per molti forse più agghiacciante, che la responsabilità di aver devastato Beirut, causando più di 135 morti e migliaia di feriti, debba essere attribuita a un incidente causato, ‘semplicemente’, dall’incuria di una serie di funzionari.

E mentre gli organi giudiziari hanno aperto un’inchiesta, parallela a quella già avviata dai servizi di sicurezza, è già partito il balletto dello scaricabarile di responsabilità. Su tutto spiccano i documenti e le dichiarazioni shock, fornite nelle ultime ore dal direttore generale delle Dogane, Badri Daher, secondo cui gli organi competenti erano stati avvertiti più volte, anche meno di un mese fa, della pericolosità delle 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio stoccati nel porto.

Sull’esplosione, udita fino a Cipro e che è stata descritta come «la più potente mai registratasi a Beirut» - città tristemente abituata agli attentati dinamitardi e ai bombardamenti aerei - pesano i fantasmi di «complotti» orditi contro il Libano da «chi vuole la fine del paese dei Cedri».

Si sono addensate nelle ultime ore una serie di ricostruzioni, basate solo su testimonianze non verificabili e che riferiscono della presenza di velivoli militari israeliani sopra i cieli di Beirut poco prima dell’esplosione. Ogni giorno l’aviazione israeliana sorvola i cieli del Libano da anni. C’è chi ha addirittura detto di aver visto un missile colpire il porto dal mare. Israele è stato il primo paese straniero a reagire ieri pomeriggio, affermando di non essere coinvolto nell’accaduto.

Sotto accusa ci sono anche gli Hezbollah, arcinemici proprio di Israele e con cui nelle settimane e nei giorni scorsi la tensione era salita alle stelle sia sul fronte libanese (Shebaa) che su quello siriano (Golan).

Secondo diversi analisti, il porto conteneva la Santa Barbara del movimento sciita filo-iraniano. Circostanza smentita più volte dal Partito di Dio. Hezbollah, affermano alcuni, aveva immagazzinato i suoi missili nel cuore di Beirut proprio per evitare che Israele potesse bombardare i suoi depositi, come invece succede sempre più spesso nella vicina Siria.

Per ora si tratta di ipotesi. In un paese che attende ancora di conoscere la verità sull’uccisione nel 2005 dell’ex premier Rafiq Hariri, morto in un attentato poco lontano dal devastato porto della città, nessuno si attende risultati concreti dalle inchieste in corso. Anche per questo le teorie del complotto sono sempre più popolari.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1

    Il coronavirus potrebbe rubare fino a 9 anni di vita

    lo studio

    Secondo un gruppo di ricercatori, con un’ipotetica diffusione dell’infezione nel 10% della popolazione, l’aspettativa di vita potrebbe calare di un anno nei Paesi ricchi - Con una prevalenza del virus nel 50% della popolazione sono previste perdite dai 3 ai 9 anni

  • 2

    Addio alla stilista Elsa Serrano

    tragedia

    La celebre stilista argentina di origini italiane è deceduta in seguito al rogo scoppiato nel palazzo in cui abitava a Buenos Aires

  • 3

    Oms: «Il livello dei contagi in Europa è allarmante»

    pandemia

    Per l’Organizzazione il numero delle trasmissioni è «preoccupante» e le cifre registrate nelle ultime settimane devono servire da «sveglia» - Oltre la metà dei Paesi ha registrato un aumento delle infezioni oltre il 10% nelle ultime due settimane

  • 4
  • 5

    Notre-Dame riprende vita poco a poco

    francia

    Un ricco programma di attività intorno alla cattedrale si terrà questo fine settimana, in occasione delle Giornate europee del Patrimonio

  • 1
  • 1