Cade il governo di Albin Kurti

kosovo

In piena emergenza coronavirus, l’Esecutivo è stato rovesciato dopo una mozione di sfiducia presentata in Parlamento da uno dei due partiti della coalizione

Cade il governo di Albin Kurti
EPA/VALDRIN XHEMAJ

Cade il governo di Albin Kurti

EPA/VALDRIN XHEMAJ

In piena emergenza per la pandemia di coronavirus, il governo del Kosovo guidato da Albin Kurti e insediatosi solo a inizio febbraio è caduto dopo che ieri sera il parlamento a Pristina ha votato una mozione di sfiducia all’esecutivo presentata da uno dei due partiti della coalizione. A favore della sfiducia hanno votato 82 deputati, i contrari sono stati 32, uno si è astenuto.

In meno di due mesi si è consumato il dissidio sempre latente fra il premier Kurti, leader del partito di maggioranza «Autodeterminazione» (sinistra nazionalista), e Isa Mustafa, ex premier e capo della Lega democratica del Kosovo (LDK, centrodestra), che a fatica e dopo lunghi negoziati avevano concluso un accordo di coalizione. A indurre Mustafa a sfidare Kurti in parlamento era stato il licenziamento nelle scorse settimane del ministro dell’interno Agim Veliu, esponente di LDK.

Ma i contrasti fra i due esponenti politici sono più profondi e riguardano fra l’altro il tema cruciale del dialogo con Belgrado, con i dazi anti-serbi maggiorati del 100% imposti da Pristina nel novembre 2018. Kurti è irremovibile nel mantenere tali dazi, che impediscono la ripresa del negoziato, mentre Mustafa - in linea con il presidente Hashim Thaci e con l’amministrazione americana - ritiene che vadano aboliti al più presto sia per tornare al tavolo negoziale sia per non rovinare irrimediabilmente i rapporti cruciali con gli USA.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1