Conte: «Prime dosi del vaccino forse ad inizio dicembre»

coronavirus

Se il preparato dovesse passare le ultime fasi, due o tre milioni di dosi saranno disponibili immediatamente, altre arriveranno subito dopo - «Per contenere completamente la pandemia dovremo aspettare comunque la prossima primavera»

Conte: «Prime dosi del vaccino forse ad inizio dicembre»
© Pool Photo/Angelo Carconi

Conte: «Prime dosi del vaccino forse ad inizio dicembre»

© Pool Photo/Angelo Carconi

«Se le ultime fasi di preparazione (il cosiddetto ‘‘rolling value’’) del vaccino Oxford-Irbm Pomezia-AstraZeneca saranno completate nelle prossime settimane, le prime dosi saranno disponibili all’inizio di dicembre». Lo ha detto il presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte a Bruno Vespa per il libro «Perché l’Italia amò Mussolini (e come ha resistito alla dittatura del COVID)», in uscita il 29 ottobre da Mondadori Rai Libri.

«Già all’inizio avremo i primi due o tre milioni di dosi. Altri milioni ci arriveranno subito dopo. La Commissione europea ha commissionato ad AstraZeneca e ad altre società alcune centinaia di milioni di dosi. Penso che per contenere completamente la pandemia dovremo aspettare comunque la prossima primavera», afferma ancora Conte.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 2

    Levy in lacrime al Bundestag

    GIORNATA DELLA MEMORIA

    Il presidente della Knesset si è più volte commosso – Inge Auerbacher: «Il cancro dell’antisemitismo si è risvegliato»

  • 3

    Fridays for Future si prepara per il prossimo sciopero

    clima

    Il prossimo 25 marzo gli attivisti scenderanno in piazza per chiedere che «vengano garantiti i risarcimenti climatici da parte del nord del mondo che ha le maggiori responsabilità. Questi risarcimenti non dovrebbero essere prestiti, ma finanziamenti per le comunità indigene ed emarginate»

  • 4

    Easyjet è vicina ai livelli pre pandemia

    aviazione

    L’amministratore delegato Johan Lundgren si dice fiducioso sul 2022 e preannuncia che la domanda per l’estate sarà «forte, con il Regno Unito e le rotte turistiche che andranno particolarmente bene»

  • 5

    La Catalogna toglie il pass obbligatorio in bar e ristoranti

    spagna

    Lo hanno deciso le autorità della regione spagnola dopo che, negli ultimi giorni, è stata registrata una stabilizzazione della situazione epidemiologica – Eliminato anche il limite di 10 persone per riunioni sociali, mentre rimangono ancora chiusi i locali notturni

  • 1
  • 1