Corbyn difende Assange: «Va ringraziato, non estradato»

Regno Unito

L’ex leader laburista è sceso in campo insieme ad alcune decine di sostenitori del 50.enne australiano dinanzi all’Alta Corte di Londra

Corbyn difende Assange: «Va ringraziato, non estradato»
L’ex leader laburista Jeremy Corbyn. / ©AP/Frank Augstein

Corbyn difende Assange: «Va ringraziato, non estradato»

L’ex leader laburista Jeremy Corbyn. / ©AP/Frank Augstein

Julian Assange andrebbe «esaltato» per aver fatto emergere, attraverso i documenti segreti intercettati da WikiLeaks, tanti fatti inconfessabili e crimini di guerra imputati agli americani in Afghanistan e in Iraq; non certo consegnato agli USA, che gli danno la caccia da oltre un decennio e dove rischia di andare incontro a una condanna a 175 anni di galera.

Lo ha detto oggi l’ex leader laburista britannico, Jeremy Corbyn, unendosi ad alcune decine di attivisti e sostenitori del 50.enne australiano dinanzi all’Alta Corte di Londra, sede del processo d’appello intentato dal governo di Washington di fronte alla giustizia del Regno Unito contro il no all’estradizione opposto da una giudice londinese di primo grado nel gennaio scorso sulla base del pericolo di suicidio legato al prevedibile trattamento giudiziario e carcerario oltre Oceano: processo la cui seconda e ultima udienza è in corso oggi, prima dell’attesa di un nuovo verdetto previsto orientativamente non prima di 6-8 settimane.

Julian - ha denunciato Corbyn - «non ha commesso alcun crimine e malgrado questo è detenuto in una prigione di massima sicurezza (britannica in attesa della decisione finale sull’estradizione)... Questo è ciò che abbiamo fatto a una persona che ci ha detto la verità: la verità sull’Afghanistan, sull’Iraq, sulla sorveglianza globale che incombe su di noi, su un’incredibile quantità di segreti nascosti dagli USA e naturalmente da molti altri governi in giro per il mondo». L’ex numero uno del Labour ha quindi elogiato «il coraggio e la determinazione» di Assange, insistendo sulla necessità che «in primo luogo non venga trasferito negli Stati Uniti in nessun caso; e in secondo luogo sia rilasciato dal carcere di Belmarsh affinché possa riprendere una vita normale con la sua compagna e i suoi figli».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 2

    Levy in lacrime al Bundestag

    GIORNATA DELLA MEMORIA

    Il presidente della Knesset si è più volte commosso – Inge Auerbacher: «Il cancro dell’antisemitismo si è risvegliato»

  • 3

    Fridays for Future si prepara per il prossimo sciopero

    clima

    Il prossimo 25 marzo gli attivisti scenderanno in piazza per chiedere che «vengano garantiti i risarcimenti climatici da parte del nord del mondo che ha le maggiori responsabilità. Questi risarcimenti non dovrebbero essere prestiti, ma finanziamenti per le comunità indigene ed emarginate»

  • 4

    Easyjet è vicina ai livelli pre pandemia

    aviazione

    L’amministratore delegato Johan Lundgren si dice fiducioso sul 2022 e preannuncia che la domanda per l’estate sarà «forte, con il Regno Unito e le rotte turistiche che andranno particolarmente bene»

  • 5

    La Catalogna toglie il pass obbligatorio in bar e ristoranti

    spagna

    Lo hanno deciso le autorità della regione spagnola dopo che, negli ultimi giorni, è stata registrata una stabilizzazione della situazione epidemiologica – Eliminato anche il limite di 10 persone per riunioni sociali, mentre rimangono ancora chiusi i locali notturni

  • 1
  • 1