Coronavirus: l’Amuchina batte Cristiano Ronaldo

Su internet

In Italia, sui motori di ricerca (oltre che nei supermercati), spopola la nota soluzione disinfettante - In Svizzera, il Ticino è il cantone più attivo in rete, con Mendrisio in testa alla relativa classifica

Coronavirus: l’Amuchina batte Cristiano Ronaldo
© CdT/Chiara Zocchetti

Coronavirus: l’Amuchina batte Cristiano Ronaldo

© CdT/Chiara Zocchetti

Sui motori di ricerca, il coronavirus rimane un tema dominante, in alcuni Paesi il tema in assoluto dominante. Basti pensare all’Italia, dove in particolare ha vissuto un nuovo picco, il più dirompente, tra venerdì e sabato scorsi. Record di clic - ça va sans dire - in Lombardia, poi Emilia-Romagna e Veneto, anche se in crescita vi è anche la Toscana. Stando ai dati elaborati dall’agenzia di search marketing AvantGrade.com, negli ultimi trenta giorni, in Italia, la ricerca del termine «coronavirus» ha stracciato quella di chi cercava notizie in merito a Cristiano Ronaldo o alla triste morte di Kobe Bryant. La scala: cento a uno, qualcosa di simile. Persino l’Amuchina - spuntando dal nulla, in questo contesto - negli ultimi giorni ha battuto CR7.

Mendrisiotto coinvolto
E in Svizzera? Stando sempre ad Ale Agostini di AvantGrade, il cantone più attivo è, come facilmente intuibile, il Ticino. Se dalle nostre parti l’indice di interesse su Google nei confronti del tema è 100, negli altri cantoni non supera quota 50; i Grigioni, secondi, sono a 44, Vaud, terzo, a 32, seguono Vallese e Ginevra. In Ticino, il comune nel quale le quote sono massime è risultato essere Mendrisio, ma più in generale è in effetti tutto il Mendrisiotto la regione più interessata, essendo il primo fronte sulla Lombardia. Nel nostro Paese, la ricerca contenente il termine «coronavirus» con più indice di ricerca - fonte Google Trends, con dati elaborati da AvantGrade - è appunto «coronavirus» (100), seguono «corona virus» (22), «coronavirus italia», «coronavirus schweiz» e «coronavirus italien» (tutte sotto quota 10). Tra le ricerche in crescita, i concetti di mascherina, di hotline e - con un +80% - di «coronavirus ticino frontalieri».

A caccia di mascherine
Tornando all’Amuchina, gli utenti che hanno cercato notizie riguardanti la nota soluzione disinfettante si sono soffermati anche su altri termini legati al coronavirus. In testa a questa speciale classifica figura «Codogno», mentre al secondo posto il curioso «esselunga a casa», a dimostrazione dell’interesse degli italiani, in particolare nel Settentrione, nei confronti della spesa online, pur di evitare i supermercati - il picco di ricerche per «esselunga a casa» si è avuto domenica alle 19, con conseguente corto circuito per il sito - Negli ultimi sette giorni, sempre in Italia, cresciuta del 2.250% anche la ricerca dell’elemento «mascherina ffp3»; perché evidentemente di fronte al coronavirus non tutte le mascherine sono uguali e gli utenti di internet lo sanno. Oltre ai siti di spesa online, sono stati presi d’assalto quelli legati a farmacie online. Picco assoluto anche per l’espressione «ipoclorito sodio». Qualcuno forse sperava di fabbricare l’Amuchina in casa.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1