Coronavirus: primi casi in Danimarca, Romania ed Estonia

epidemia

Una delle persone era di rientro dall’Italia, un’altra lavora in un ristorante italiano e la terza persona era di ritorno dall’Iran - Il Giappone chiude le scuole

Coronavirus: primi casi in Danimarca, Romania ed Estonia
© EPA/ABEDIN TAHERKENAREH

Coronavirus: primi casi in Danimarca, Romania ed Estonia

© EPA/ABEDIN TAHERKENAREH

Primi casi accertati di coronavirus anche in Danimarca, Romani e Estonia.

Le autorità della Danimarca hanno annunciato oggi che il primo caso accertato di coronavirus nel paesi riguarda un uomo che era rientrato dall’Italia con la sua famiglia il 24 febbraio dopo aver trascorso una vacanza in una località sciistica in Lombardia. Sua moglie e suo figlio sono risultati negativi ai test e le condizioni dell’uomo sono state definite abbastanza buone.

In Romania è stato trovato positivo ai test un paziente di Priguria, provincia di Gorj, nel sudovest del paese balcanico. Secondo quanto riportato dall’agenzia Mediafax, il ‘paziente zero’ ha 20 anni e lavora presso un ristorante di proprietà di un italiano. L’uomo sarà tenuto in quarantena nella propria casa assieme ai suoi sette familiari.

La persona risultata positiva ai test in Estonia è rientrata nel Paese ieri notte dall’Iran, ha precisato il ministro degli Affari sociali, Tanel Kiik. «Il paziente - ha detto Kiik - è residente permanentemente in Estonia ma non è un cittadino» estone. «Per quanto ne so, è un cittadino iraniano», ha spiegato il ministro.

Il Giappone chiude tutte le scuole elementari e medie

Il premier giapponese Shinzo Abe ha ordinato la chiusura di tutte le scuole elementari e medie superiori del Paese a partire da lunedì 2 marzo per almeno due settimane, per anticipare una diffusione a livelli allarmanti del coronavirus. Il provvedimento non riguarda tuttavia il funzionamento degli asili nido.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1