«Costretti a vivere giorno e notte nei rifugi per sfuggire alle bombe»

Reportage

La testimonianza dei civili dal Nagorno-Karabakh - LE FOTO

 «Costretti a vivere giorno e notte nei rifugi per sfuggire alle bombe»
I bombardamenti che hanno preso di mira la città di Stepanakert non hanno risparmiato neppure cinema e teatri. ©Daniele Bellocchio

«Costretti a vivere giorno e notte nei rifugi per sfuggire alle bombe»

I bombardamenti che hanno preso di mira la città di Stepanakert non hanno risparmiato neppure cinema e teatri. ©Daniele Bellocchio

 «Costretti a vivere giorno e notte nei rifugi per sfuggire alle bombe»

«Costretti a vivere giorno e notte nei rifugi per sfuggire alle bombe»

 «Costretti a vivere giorno e notte nei rifugi per sfuggire alle bombe»

«Costretti a vivere giorno e notte nei rifugi per sfuggire alle bombe»

 «Costretti a vivere giorno e notte nei rifugi per sfuggire alle bombe»

«Costretti a vivere giorno e notte nei rifugi per sfuggire alle bombe»

 «Costretti a vivere giorno e notte nei rifugi per sfuggire alle bombe»

«Costretti a vivere giorno e notte nei rifugi per sfuggire alle bombe»

 «Costretti a vivere giorno e notte nei rifugi per sfuggire alle bombe»

«Costretti a vivere giorno e notte nei rifugi per sfuggire alle bombe»

Mentre la Russia cerca di trovare una soluzione negoziale al conflitto riesploso nel Nagorno-Karabakh, convocando a Mosca i ministri degli Esteri di Azerbaigian e Armenia, nel Caucaso meridionale si contano i morti. La nuova fiammata di violenze ha avuto inizio lo scorso 27 settembre quando l’esercito azero, con l’appoggio di Ankara, ha dato inizio all’aggressione contro il Nagorno-Karabakh.

Ormai le vittime si contano a centinaia da entrambe le parti. Una guerra che affonda le sue radici nel passato. Nell’epoca sovietica Stalin nel 1921 assegnò il territorio del Nagorno-Karabakh, popolato per la stragrande maggioranza da armeni, all’Azerbaigian, con l’obiettivo di rafforzare il Paese asiatico per farne un avamposto da cui poter esportare la rivoluzione bolscevica nella vicina Turchia. Negli...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1