150 anni per 13 membri del clan di Matteo Messina Denaro

Mafia

Sono stati inflitti a boss, gregari e favoreggiatori finiti in manette nel corso dell’inchiesta «Anno Zero»

150 anni per 13 membri del clan di Matteo Messina Denaro
© CdT/Archivio

150 anni per 13 membri del clan di Matteo Messina Denaro

© CdT/Archivio

Il giudice di Palermo Cristina Lo Bue ha condannato complessivamente a oltre 150 anni di carcere 13 tra boss, gregari e favoreggiatori dei clan trapanesi, finiti in manette nel corso dell’inchiesta «Anno Zero» che ha disarticolato i clan della provincia e la «famiglia» del boss latitante Matteo Messina Denaro.

Un solo imputato è stato assolto. L’accusa in aula era sostenuta dall’aggiunto Paolo Guido e dai pubblici ministeri (pm) Francesca Dessì, Geri Ferrara, Alessia Sinatra, Claudio Camilleri e Gianluca De Leo. Il processo si svolgeva in rito abbreviato. La condanna più pesante, 15 anni, è stata comminata a un capomafia di Partanna detenuto al 41 bis.

Gli imputati rispondevano, a vario titolo, di associazione mafiosa e favoreggiamento. Altre 17 persone, coinvolte nella stessa indagine, sono sotto processo in ordinario: tra loro il cognato di Matteo Messina Denaro. Originariamente tra gli imputati il marito della sorella del boss latitante, morto nei mesi scorsi.

Nell’inchiesta, è emerso, tra l’altro, l’interesse del clan anche nel settore delle scommesse online, oltre ai reati di estorsione e danneggiamenti.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cronaca
  • 1

    La situazione degenera: nuovi scontri a Belgrado

    Manifestazione

    Migliaia di dimostranti antigovernativi sono tornati a radunarsi in Serbia - La protesta, inizialmente pacifica, è sfociata nel lancio di oggetti verso la polizia e attacchi ai giornalisti

  • 2
  • 3

    Oltre 600 migranti sbarcano a Lampedusa

    Italia

    Nelle ultime 24 ore una ventina di imbarcazioni hanno raggiunto l’isola, il cui «hot spot» è ormai quasi al collasso: il problema ora è trovare strutture per la quarantena

  • 4

    Il Mose separa le acque a Venezia

    Opera idraulica

    Il sistema di 78 «scudi» mobili destinati ad evitare le maree ha avuto il primo test ufficiale davanti al premier italiano Giuseppe Conte - FOTO e VIDEO

  • 5

    Situazione «quasi fuori controllo» in Libano

    crisi

    È l’avvertimento lanciato dall’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani - Il Paese sta vivendo la peggiore crisi economica della sua storia, aggravata dalla pandemia e da un delicato contesto politico, connotato tra le altre cose dalle tensioni tra i filo-iraniani Hezbollah e gli Stati Uniti

  • 1
  • 1