logo

Israele, al via la campagna di espulsione migranti

Entro due mesi in 20 mila dovranno decidere se lasciare il Paese oppure rischiare il carcere a oltranza - Proteste contro il premier Netanyahu

Keystone
 
04
febbraio
2018
19:58
ats

TEL AVIV - Entro due mesi circa 20 mila degli attuali 40 mila migranti dovranno decidere se accettare di lasciare Israele (con un incentivo di 3500 dollari a testa) per raggiungere ''un Paese terzo'' - il Ruanda, secondo la stampa - oppure rischiare il carcere ad oltranza.
Nelle ultime settimane in Israele si avverte un disagio crescente. Contro le imminenti espulsioni si sono espressi intellettuali, artisti, medici, sopravvissuti alla Shoah e anche piloti che preannunciano il rifiuto di guidare aerei con migranti che fossero ricondotti in Africa contro la loro volontà. Alcuni kibbutzim progettano di dare ospitalità a chi fosse colpito da ordini di espulsione e ricercato dalla polizia. Oggi il premier Benyamin Netanyahu ha però ribadito che non si farà intimidire da questi barlumi di disobbedienza civile. Dietro le proteste, ha sostenuto, ci sono l'uomo d'affari George Soros e organizzazioni non governative (ong).

La campagna di ''allontanamento'' da Israele dei migranti ha preso ufficialmente il via oggi negli uffici di Tel Aviv del ministero dell'immigrazione con la consegna a circa 200 eritrei di ingiunzioni a lasciare il Paese entro due mesi. Quanti sono originari del Darfur per ora potranno restare, ma il loro futuro resta incerto. In questa fase non saranno espulsi nuclei familiari e persone gravemente malate. ''Nel Paese Terzo'' con cui Israele dice di aver firmato accordi - è stato detto ai migranti - potranno stabilirsi e riacquistare una esistenza normale. Secondo informazioni raccolte invece da alcune ong il loro futuro in Ruanda sarebbe gravido di incognite.

''Non possiamo mandarli alla loro morte'' si legge in annunci di protesta pubblicati a pagamento sulla stampa. Su Facebook Netanyahu ha replicato: ''Non l'avrete vinta. Oggi abbiamo iniziato la campagna di allontanamento degli infiltrati illegali, così come fanno altri Paesi moderni fra cui gli Stati Uniti. Così come abbiamo bloccato le infiltrazioni grazie a un barriera che ho fatto costruire lungo il confine con il Sinai, così manterrò la mia promessa di far uscire gli infiltrati''. Una promessa fatta in particolare agli abitanti dei rioni poveri di Tel Aviv - dove il suo partito Likud è radicato - che hanno molto sofferto in questi anni per la la presenza dei migranti in aree già afflitte da problemi di povertà e di crimine.

Mentre il duello politico fra Destra e Sinistra sulla sorte dei migranti si fa sempre più aspro, adesso sono scesi in campo anche gli imprenditori. Anch'essi si schierano contro le espulsioni: perché, sostengono, la improvvisa partenza di una manodopera rivelatasi di importanza critica per il funzionamento di alberghi, ristoranti ed ospizi rischierebbe di aver ripercussioni nocive per la economia del Paese.

Prossimi Articoli

Stretta su Khashoggi, Ankara ha "informazioni e prove"

Il caso del giornalista scomparso il 2 ottobre dopo l'ingresso nel Consolato saudita

Sparatoria in Germania, due morti e due agenti feriti

Il fatto di sangue è avvenuto a Kirchheim an der Weinstrasse - Le vittime sono madre e figlio

Stretta su Khashoggi, Ankara ha "informazioni e prove"

Il caso del giornalista scomparso il 2 ottobre dopo l'ingresso nel Consolato saudita

Edizione del 20 ottobre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top