logo

Russiagate, “Trump non sarà incriminato”

Lo ha affermato Rudolph Giuliani, figura di punta del team di legali dell'ex tycoon - "Non ci sono prove di collusione"

Ap photo
 
17
maggio
2018
21:19
ats

NEW YORK - Donald Trump non sarà incriminato. Alla fine delle indagini degli uomini di Robert Mueller, il procuratore speciale che indaga sul Russiagate, ci sarà solamente un rapporto. Ad assicurarlo un sempre più attivo Rudolph Giuliani, divenuto figura di punta del team di legali dell'ex tycoon, che pero' non si sofferma su quello che molti osservatori mettono in evidenza: quel rapporto potrebbe essere la base per una eventuale azione di impeachment da parte del Congresso.

Intanto, ad un anno dall'inizio delle indagini sui sospetti legami tra Trump e Mosca durante la campagna elettorale del 2016, il presidente americano ironizza su Twitter: "Congratulazioni America, siamo nel secondo anno della più grande caccia alle streghe nella storia americana".

L'accusa mossa agli investigatori è sempre la stessa: dopo tutto questo tempo - afferma l'inquilino della Casa Bianca - nemmeno uno straccio di prove che ci sia stata collusione o ostruzione della giustizia da parte del presidente.

"L'unica collusione è stata quella dei democratici che sono stati incapaci di vincere le elezioni nonostante abbiano speso così tanti soldi", aggiunge Trump, che torna a rilanciare le accuse all'amministrazione Obama che a sua volta accusa di averlo spiato.

E in effetti il maggior pericolo che dopo 12 mesi di indagini corre il procuratore speciale - e su questo sono concordi molti osservatori e commentatori politici - è quello di perdere il sostegno di quella parte dell'opinione pubblica che finora ha sostenuto le indagini.

Perché se è vero che il lavoro degli investigatori non sembra subire rallentamenti - con 19 persone e tre aziende incriminate e cinque pronte a patteggiare - è anche vero che ancora non c'è una risposta alla domanda più importante: la campagna di Donald Trump agi' in coordinamento con la Russia per influenzare le elezioni presidenziali del 2016 e danneggiare l'allora candidata democratica illary Clinton?

Giuliani ha comunque spiegato in una intervista alla Cnn come il procuratore Mueller avrebbe comunicato al team dei legali di Trump che si atterrà alle linee guida del dipartimento di giustizia, quelle secondo cui un presidente non può essere incriminato: "Tutto quello che faranno - ha detto l'ex sindaco di New York - è scrivere un rapporto. Non possono incriminarlo. Almeno ci hanno riconosciuto questo dopo qualche battaglia".

I giuristi in realtà sono divisi sulla possibilità che un procuratore, anche speciale, possa portare un presidente sul banco degli imputati. Se Mueller si limitasse a scrivere un rapporto accusatorio, questo potrebbe appunto diventare la base per una procedura di impeachment al Congresso, dove però attualmente i repubblicani controllano sia la Camera dei Rappresentanti sia il Senato.

Lo scenario tuttavia potrebbe drammaticamente cambiare con le elezioni di metà mandato di novembre, quando verrà rinnovato un terzo del Senato e l'intera Camera dei Rappresentanti. Intanto su Trump si abbatte l'ennesima polemica per un'affermazione sugli immigrati irregolari, alcuni dei quali sono stati bollati dal tycoon con l'epiteto di "animali".

"Noi espelliamo gente dal Paese - ha detto durante un evento contro le 'città santuario' che proteggono i clandestini - non potete credere a che livello sono malvagi. Non sono uomini, sono animali", ha aggiunto, sottolineando come "la legge californiana offre un rifugio a certi delinquenti che sono i più violenti della terra, come i membri della gang Ms-13".

Prossimi Articoli

Ha un grande bottone nucleare ma "un pene sotto la media"

Le piccanti rivelazioni della pornostar Stormy Daniels su Donald Trump sono state pubblicate in un libro intitolato "Full Disclosure"

Elon Musk indagato per frode, il titolo Tesla va giù

Il numero uno del gruppo automobilistico non smette di far parlare di sé, il Dipartimento di giustizia americano procede per vie legali

“La gente muore di fame, e Maduro si concede grigliate di lusso”

Il presidente venezuelano ad un banchetto da "oltre 1500 dollari" si fa servire carne dal noto chef Saltbae, e non tardano le polemiche - VIDEO

Edizione del 18 settembre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top