logo

Argentina, primo sì alla libertà di abortire

 
14
giugno
2018
21:58
ats

BUENOS AIRES - Con un voto acclamato come storico ma ottenuto con una risicata maggioranza, la Camera dei Deputati argentina ha approvato oggi la depenalizzazione dell'aborto, che passa ora all'esame del Senato, dove tutto sembra indicare che otterrà il numero necessario di voti.

Il risultato - 129 sì e 125 no, con una sola astensione e un solo assente - è arrivato al termine di una sessione-maratona durata oltre venti ore e seguita da migliaia di dimostranti che hanno passato la notte davanti al Congresso di Buenos Aires, per manifestare a favore o contro la riforma, malgrado il freddo nella capitale argentina.

La riforma varata dalla camera bassa prevede la depenalizzazione dell'interruzione di gravidanza fino alla quattordicesima settimana di gestazione per ogni donna che la richieda, e dopo questo termine solo in caso di rischio di vita della madre o del feto, o ancora di gravidanza dovuta a uno stupro.

Il dibattito ha spaccato i principali gruppi politici rappresentati in Parlamento, che aveva lasciato ai deputati la libertà di votare secondo coscienza. La risicata maggioranza, di appena quattro voti, si spiega anzitutto con l'importante influenza della Chiesa cattolica in Argentina, specialmente nelle province (entità federali) del nord del Paese.

E infatti il responsabile per i rapporti con il Parlamento della Conferenza episcopale, monsignor Alberto Bochatey, ha detto oggi che sente "una pena molto grande" per la decisione dei deputati, perché "per la prima volta vediamo una legge democratica che promuove la morte di esseri umani".

Il dibattito parlamentare sulla legalizzazione dell'aborto è stato promosso dal presidente Mauricio Macri, malgrado si sia detto contrario personalmente alla riforma. Secondo gli analisti, la mossa di Macri ha avuto un doppio fine: garantirgli un bonus di immagine in un momento in cui la situazione economica sta mettendo in difficoltà il suo governo e assicurargli un posto nella storia delle grandi riforme del Paese, simile a quello di Raul Alfonsin e Nestor Kirchner, che promossero rispettivamente il divorzio e le nozze gay.

Il progetto di legge passa ora all'esame del Senato, dove dovrebbe arrivare non prima del prossimo agosto e dove il risultato finale dovrebbe essere molto meno incerto, giacché i capigruppo dei due principali partiti - radicali e peronisti - gli hanno già assicurato il loro appoggio.

Prossimi Articoli

Transessualità: “Non è più una malattia mentale”

L'Organizzazione mondiale della sanità la rimuove dalla lista dei disordini psichici - ONU: "Classificarla come tale può essere stigmatizzante"

“Soluzioni sui migranti o salta Schengen”

Lo ha detto il premier italiano Giuseppe Conte a Berlino, dove è stato ricevuto dalla cancelliera tedesca Angela Merkel

Foto del giorno

Gli scatti più belli della settimana scelti dalla redazione web

Edizione del 19 giugno 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top