logo

Un'azienda farmaceutica blocca una condanna a morte

Nevada - Le sostanze usate per l'iniezione letale erano state ottenute illegalmente: rinviata l'esecuzione di un omicida

Archivio CdT
 
12
luglio
2018
06:58
ats

WASHINGTON - Per la prima volta una azienda farmaceutica e' riuscita a bloccare una condanna a morte sostenendo che una delle sostanze scelte per l'iniezione era stata ottenuta illegalmente e che il 'cocktail' finale non era stato testato in una pena capitale. E' successo in Nevada, dove un giudice ha rinviato l'esecuzione prevista nelle prossime ore di Raymond Dozier, 47 anni, condannato per due diversi omicidi nel 2002 e nel 2005. Era stato lo stesso detenuto a chiedere di essere ucciso, "anche se è inevitabile soffrire". Ma il giudice distrettuale Elizabeth Gonzalez ha accolto il ricorso della Alvogen, che si era opposta all'uso del suo midazolam nelle pene capitali.

Prossimi Articoli

Un attacco terroristico approfittando dei gilet gialli

I quattro uomini sono stati fermati: avrebbero pianificato l'attentato per sabato scorso, mentre la polizia francese era impegnata con proteste e blocchi stradali

Deraglia un treno vicino a Barcellona: un morto

Si tratta di un convoglio composto da sei vagoni principalmente utilizzato da pendolari: l'incidente è avvenuto nella zona di Vacarisses

Allarme vulcano in Guatemala: 4'000 evacuati

Gli abitanti dei villaggi a ridosso del Volcàn de Fuego hanno lasciato le loro case - Nel cielo si è innalzata una colonna di fumo di 7 mila metri

Edizione del 20 novembre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top