logo

Scandalo pedofilia in Cile: 200 casi

L'inchiesta si allarga a macchia d'olio: indagini in 120 scuole della capitale

 
Il governo di Sebastian Pinera ha annunciato l'applicazione di una decina di misure per rafforzare la prevenzione e la lotta alla pedofilia in Cile (foto Crinari)
 
27
luglio
2012
15:43
ats - Red. Online

SANTIAGO DEL CILE - Si estendono a macchia d'olio, in Cile, le denunce di pedofilia nelle scuole (vedi Suggeriti): il procuratore della Repubblica, Sabas Chahuan, ha confermato l'avvio di indagini in oltre 120 istituti scolastici di Santiago del Cile a seguito di più di 200 denunce di pedofilia registrate.

L'ultimo caso ha coinvolto John O'Reilly, il sacerdote di origine irlandese: l'uomo è stato sospeso dalle attività di direttore spirituale nel Colegio Cumbres, uno dei più rinomati della città, dopo la denuncia della famiglia di un'alunna per presunti abusi sessuali commessi dal 2010 al 2012.

Davanti all'aggravarsi della situazione, il governo di Sebastian Pinera ha annunciato l'applicazione di una decina di misure per rafforzare la prevenzione e la lotta alla pedofilia in Cile.

Articoli suggeriti

Cile, maxi inchiesta sulla pedofilia

Le autorità indagano su presunti abusi sessuali in 59 scuole della capitale

Edizione del 18 settembre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top