logo

Ieng Thirit non verrà processata

L'ex first lady dei Khmer rossi sarà rilasciata per infermità mentale

 
13
settembre
2012
16:25
ats/ansa

BANGKOK - Già trascinatosi per anni e lontano dalla fine, il processo agli ex leader dei Khmer rossi ancora in vita ha perso oggi uno dei quattro imputati: Ieng Thirith, ex first lady del movimento maoista e cognata del «fratello numero uno» Pol Pot, sarà rilasciata forse già domani per «infermità mentale». Un duro colpo per un procedimento giudiziario che molti osservatori temono non arriverà mai a conclusione.

Secondo il tribunale misto dell'Onu a Phnom Penh, Ieng Thirith (80 anni) soffre di una malattia degenerativa con ogni probabilità identificabile nel morbo di Alzheimer. Una patologia che diminuisce la sua capacità mentale, rendendola incapace di difendersi dalle accuse di genocidio, crimini di guerra e contro l'umanità in relazione alla morte di 1,7 milioni di cambogiani vittime della follia rivoluzionaria in cui cadde la Cambogia tra il 1975 e il 1979.

La donna era già ricoverata dal 2011 in una struttura psichiatrica, dando tempo agli esperti di dare il loro responso, senza escludere che potesse riprendersi. Quando ancora era lucida, Ieng Thirith - ministro degli Affari sociali dei Khmer rossi - non aveva mai mostrato segni di pentimento né la disponibilità a collaborare con i giudici: una volta aveva maledetto i suoi accusatori augurando loro di finire nel «settimo girone infernale».

Prossimi Articoli

Svolta dei sauditi sulla scomparsa di Kashoggi

Si starebbe per riconoscere che il giornalista è stato ucciso durante un interrogatorio finito male

Una tragedia il maltempo nel sud della Francia

La conta dei morti è andata avanti per tutto il giorno, un macabro balletto di cifre continuamente rivisto

Oltre 100 raid chimici, così Assad ha vinto la guerra

È la tesi di un'inchiesta sulla Siria della BBC, basata sull'analisi di numerose fonti

Edizione del 16 ottobre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top