Assolto lo stupratore perché la sua vittima indossava un perizoma di pizzo

Migliaia di persone sono scese nelle piazze a manifestare contro la sentenza all'insegna dello slogan #ThisIsNotConsent

Assolto lo stupratore perché la sua vittima indossava un perizoma di pizzo

Assolto lo stupratore perché la sua vittima indossava un perizoma di pizzo

Assolto lo stupratore perché la sua vittima indossava un perizoma di pizzo

Assolto lo stupratore perché la sua vittima indossava un perizoma di pizzo

DUBLINO - #ThisIsNotConsent è lo slogan con cui migliaia di persone in Irlanda sono scese in piazza e lungo le vie per protestare contro la sentenza dei giudici che a Cork hanno assolto un uomo di 27 anni per lo stupro di una ragazza di 17 anni perché al momento dei fatti indossava un perizoma di pizzo. Manifestazioni sono state organizzate a Dublino, Galway, Limerick e Cork, dove le donne, ma non solo, hanno coperto le scale del tribunale con le loro mutande in segno di protesta contro il verdetto secondo cui il consenso della ragazza si baserebbe sul fatto che lei, quella sera, indossava un tanga di pizzo.

"Guardate il modo in cui era vestita", aveva detto in aula Elizabeth O'Connell, l'avvocata che ha difeso l'autore dello stupro, la ragazza "indossava un perizoma con la parte anteriore in pizzo: le prove escludono la possibilità che lei sia stata attratta dall'imputato e fosse disponibile a incontrare qualcuno e stare con qualcuno?".

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca
  • 1
    Cambiamenti climatici

    Taglio di emissioni insufficiente: solo l’1%

    Secondo l’ONU, l’impegno dei Paesi non è abbastanza, bisognerebbe ridurre l’emissione di gas serra del 45% per mantenere l’aumento delle temperature entro 1,5 gradi dai livelli pre-industriali

  • 2
  • 3
    social network

    Twitter verso i contenuti a pagamento

    La piattaforma starebbe lavorando a un servizio di abbonamento in cui gli utenti pagherebbero contenuti speciali da account di alto profilo

  • 4
    gran bretagna

    La «sposa dell’ISIS» non potrà tornare a casa

    La Corte Suprema di Londra ha rovesciato il verdetto emesso in luglio in appello: alla 20.enne non sarà permesso di rientrare nel Paese dopo essere fuggita nel 2015 per unirsi ai miliziani del Califfato

  • 5
    africa

    Rapite oltre 300 studentesse in Nigeria

    Nuovo attacco da parte di uomini armati in una scuola di Jangebe, nello Stato di Zamfara: settimana scorsa 42 persone e a dicembre altri 300 ragazzi sono stati sequestrati in vari centri scolastici del Paese

  • 1