l’ombra del sabotaggio

Attacco a due petroliere: è giallo nel golfo dell’Oman

La tensione torna alle stelle dopo le esplosioni proprio nel giorno dedicato alla possibile riapertura del dialogo tra Iran e Stati Uniti - Le FOTO

 Attacco a due petroliere: è giallo nel golfo dell’Oman
EPA/IRIB NEWS

Attacco a due petroliere: è giallo nel golfo dell’Oman

EPA/IRIB NEWS

 Attacco a due petroliere: è giallo nel golfo dell’Oman
(IRIB News Agency via AP)

Attacco a due petroliere: è giallo nel golfo dell’Oman

(IRIB News Agency via AP)

 Attacco a due petroliere: è giallo nel golfo dell’Oman
(AP Photo/ISNA)

Attacco a due petroliere: è giallo nel golfo dell’Oman

(AP Photo/ISNA)

 Attacco a due petroliere: è giallo nel golfo dell’Oman
(AP Photo/ISNA)

Attacco a due petroliere: è giallo nel golfo dell’Oman

(AP Photo/ISNA)

 Attacco a due petroliere: è giallo nel golfo dell’Oman
(AP Photo/Tasnim News Agency)

Attacco a due petroliere: è giallo nel golfo dell’Oman

(AP Photo/Tasnim News Agency)

 Attacco a due petroliere: è giallo nel golfo dell’Oman
EPA/FRONTLINE

Attacco a due petroliere: è giallo nel golfo dell’Oman

EPA/FRONTLINE

 Attacco a due petroliere: è giallo nel golfo dell’Oman
(Frontline via AP)

Attacco a due petroliere: è giallo nel golfo dell’Oman

(Frontline via AP)

ISTANBUL - Nel giorno chiave della missione giapponese per riaprire il dialogo tra Iran e Stati Uniti, la tensione nel Golfo è tornata a infuocarsi. Mentre il primo ministro Shinzo Abe sedeva a Teheran di fronte alla Guida suprema Ali Khamenei per convincerlo a trattare con Donald Trump sul nucleare, una serie di esplosioni ha colpito stamani due petroliere nel Golfo di Oman, a meno di 30 miglia dalla costa iraniana, una delle quali proprio di proprietà nipponica.

L’altra nave, secondo la compagnia che l’ha noleggiata, «sarebbe stata colpita da un siluro». Una coincidenza che il ministro degli Esteri della Repubblica islamica, Mohammad Javad Zarif, ha subito definito «sospetta», denunciando un tentativo di sabotaggio. Accuse contro Teheran sono invece piovute a caldo da Stati Uniti e Arabia Saudita, come già accaduto un mese fa con i quattro cargo misteriosamente danneggiati al largo delle coste emiratine di Fujairah, nello stesso tratto di mare delle esplosioni di oggi. Ma anche stavolta l’Iran ha respinto ogni responsabilità, spalleggiato dalla Russia, che ha esortato ad evitare «conclusioni avventate».

Il Consiglio di sicurezza dell’Onu ha indetto una riunione d’urgenza per discutere l’accaduto, e un allarme sui rischi di un’escalation è giunto anche dal segretario generale Antonio Guterres: «Se c’è una cosa che il mondo non può permettersi è un confronto di grandi dimensioni nella regione del Golfo».

Intanto, i sospetti attacchi alle porte dello stretto di Hormuz - da cui passa quasi un terzo del petrolio commerciato via mare - hanno fatto schizzare il prezzo del greggio, con aumenti sopra il 3,5%.

Le esplosioni sono avvenute nelle prime ore del mattino su un cargo di proprietà norvegese, la Front Altair, che trasportava 75 mila tonnellate di nafta dal Qatar verso Taiwan, e un altro giapponese, la Kokuka Courageous, carico di metanolo dell’Arabia Saudita e diretto a Singapore e in Thailandia. Le immagini aeree hanno mostrato le navi in fiamme, con gravi danni in diverse sezioni, ma nessuna delle due è affondata.

Tutti i membri degli equipaggi sono stati tratti in salvo. Dopo l’allarme è intervenuta la Uss Bainbridge della Quinta flotta americana, di base in Bahrein, rivendicando il soccorso dei 21 marinai filippini della Kokuka. Tra questi c’è anche l’unico ferito, non grave. La Marina militare iraniana ha invece condotto nel suo porto di Bandar-e-Jask i 23 marinai della Front Altair, di nazionalità russa, filippina e georgiana.

Gli attacchi alle petroliere hanno inflitto comunque un nuovo colpo alle speranze di riaprire il dialogo sul dossier del nucleare. «Non abbiamo dubbi sulla buona volontà e la serietà di Shinzo Abe, ma non considero Trump una persona che merita uno scambio di messaggi. Non ho alcuna risposta da dargli e non gli risponderò. La Repubblica islamica non si fida degli Stati Uniti», ha detto Khamenei, ricordando «le precedenti amare esperienze negoziali con gli Usa» e assicurando che «non si ripeteranno, perché nessuna nazione libera e saggia accetterebbe di negoziare sotto pressione». Del resto, ha insistito l’ayatollah, «negoziati sinceri non ci potrebbero mai essere con una persona come Trump», come dimostrano le nuove sanzioni sul settore petrolchimico, emesse dopo aver chiesto un ritorno alle trattative.

Abe è comunque tornato a Tokyo con la rassicurazione che Teheran non intende cercare l’atomica. «Siamo contrari alle armi nucleari e i nostri verdetti religiosi proibiscono di costruirle. Ma si sappia - ha aggiunto Khamenei - che se mai le volessimo, gli Stati Uniti non potrebbero farci nulla».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Cronaca
  • 1