Attentato Skripal, mandato d'arresto per due russi

È stato emesso dalla Polizia britannica per la tentata uccisione a marzo a Salisbury dell'ex spia e di sua figlia - Tracce di Novichok in un albergo

Attentato Skripal, mandato d'arresto per due russi
I due ricercati Alexander Petrov e Ruslan Borishov.

Attentato Skripal, mandato d'arresto per due russi

I due ricercati Alexander Petrov e Ruslan Borishov.

LONDRA - La polizia britannica ritiene di aver raccolto "sufficienti indizi" per emettere un mandato di cattura internazionale nei confronti di due cittadini russi - Aleksandr Petrov e Ruslan Boshirov - per la tentata uccisione a marzo a Salisbury, con un agente nervino, dell'ex spia Serghiei Skripal e di sua figlia Yulia. Lo ha annunciato il numero due di Scotland Yard, Neil Basu, precisando che probabilmente entrambi viaggiavano sotto falso nome. Londra non intende chiederne al momento l'estradizione a Mosca.

"I nomi e le fotografie" apparse sui media dei due uomini "non ci dicono niente". Lo ha affermato la portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova alla radio Govorit Moskva. "Chiediamo alla parte britannica di passare dalle accuse pubbliche e le manipolazioni mediatiche alla cooperazione pratica fra le forze dell'ordine". Crimini tanto seri come quelli denunciati da Londra richiedono "un lavoro più meticoloso e una stretta cooperazione", ha detto.

Intanto emerge che l'agente nervino sarebbe stato portato in Gran Bretagna nascosto in una falsa boccetta spray di profumo Nina Ricci. Lo ha riferito il responsabile dell'Antiterrorismo nella conferenza stampa in cui ha annunciato il mandato di arresto contro Petrov e Boshirov. Tracce di Novichok sono state trovate nella stanza d'albergo occupata dai due uomini a marzo a Londra.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca
  • 1
  • 2
  • 3
    brasile

    Mascherina fatale per un pinguino

    Gli ambientalisti sono preoccupati per il crescente aumento dei «rifiuti della pandemia», che rappresentano una nuova minaccia per la fauna marina sempre più vulnerabile

  • 4
    gran bretagna

    Amal Clooney si dimette per protesta

    La moglie di George e avvocato impegnato nella difesa dei diritti umani lascia l’incarico di emissario speciale del Foreign Office britannico per la libertà d’informazione nel mondo dicendosi «sconcertata» dal progetto di legge presentato da Boris Johnson sul dopo Brexit

  • 5
  • 1