Auto sui “gilet gialli”, morta manifestante

La donna è stata investita da un'automobile durante la mobilitazione in Francia contro il caro-carburante - Oltre 124mila persone in strada e 47 feriti

Auto sui “gilet gialli”, morta manifestante

Auto sui “gilet gialli”, morta manifestante

Auto sui “gilet gialli”, morta manifestante

Auto sui “gilet gialli”, morta manifestante

Auto sui “gilet gialli”, morta manifestante

Auto sui “gilet gialli”, morta manifestante

Auto sui “gilet gialli”, morta manifestante

Auto sui “gilet gialli”, morta manifestante

Auto sui “gilet gialli”, morta manifestante

Auto sui “gilet gialli”, morta manifestante

Auto sui “gilet gialli”, morta manifestante

Auto sui “gilet gialli”, morta manifestante

Auto sui “gilet gialli”, morta manifestante

Auto sui “gilet gialli”, morta manifestante

Auto sui “gilet gialli”, morta manifestante

Auto sui “gilet gialli”, morta manifestante

Auto sui “gilet gialli”, morta manifestante

Auto sui “gilet gialli”, morta manifestante

PARIGI (aggiornato alle 15.45) - È cominciata tragicamente la mobilitazione dei giubbetti gialli che si propone di paralizzare oggi la Francia: un'auto ha forzato un blocco stradale in Savoia, nel sud, e una manifestante è rimasta uccisa. Lanci di gas lacrimogeni  a poche centinaia di metri dal traforo del Monte Bianco, tra la Francia e l'Italia, per sgomberare alcune decine di "gilet gialli" che bloccavano completamente l'accesso al tunnel.

L'azione, che ha provocato un'ondata di proteste e panico fra i manifestanti, è stata provocata dal blocco filtrante dei camion e delle auto che, con il passare delle ore, era diventato totale. A quel punto, come da istruzioni del ministero dell'Interno, la polizia è intervenuta.

La donna dei cosiddetti "giubbini gialli", il movimento spontaneo nato in Francia contro il caro-carburante, è rimasta uccisa a Pont-de-Beauvoisin a causa di un'automobilista che si è trovata nei disordini ed è stata presa dal panico. Lo ha precisato il ministro dell'Interno, Christophe Castaner. La donna stava accompagnando la figlia piccola dal medico quando i manifestanti hanno cominciato a dare colpi alla sua auto. Impaurita, la conducente ha accelerato ed ha investito la manifestante.

Duemila azioni in corso e 47 feritiSono oltre 2.000 i punti critici dei blocchi dei 'giubbini gialli', i manifestanti contro il caro-carburante, sulle strade della Francia. I manifestanti, secondo gli Interni, sono 124mila, un numero molto al di sopra delle previsioni. Il bilancio del ministero parla finora di un morto e 47 feriti - tre dei quali in modo grave -, oltre a 24 fermi, 17 dei quali confermati.

"Il nostro livello di preoccupazione - ha detto il ministro Christophe Castaner - è massimo. Abbiamo chiesto ai manifestanti di prendere tutte le misure di prevenzione e sicurezza. Il diritto a manifestare è essenziale in questo Paese, bisogna proteggerlo, ma bisogna anche fare in modo che un'organizzazione minima delle manifestazioni eviti questi drammi". 

Bloccati prima di raggiungere l'EliseoNel primo pomeriggio, mentre diverse centinaia di "gilet gialli" della protesta contro il caro-carburante hanno invaso gli Champs-Elysées, alcuni gruppi di loro hanno tentato di dirigersi verso il vicino Eliseo per portare la contestazione sotto le finestre del presidente Emmanuel Macron. La polizia, schierata in forze, glielo ha per ora impedito, dividendoli in piccoli gruppetti e controllandoli a vista. Sui Campi Elisi, invasi dai "gilet gialli", una sola corsia è tenuta libera per polizia e ambulanze.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cronaca
  • 1