Brexit, udienza finale sulla sospensione del Parlamento

regno unito

Si concluderà oggi il procedimento alla Corte Suprema britannica per decidere la legittimità dell’azione di Boris Johnson - Ancora ignota la data del verdetto

Brexit, udienza finale sulla sospensione del Parlamento
©EPA/ANDY RAIN

Brexit, udienza finale sulla sospensione del Parlamento

©EPA/ANDY RAIN

Brexit, udienza finale sulla sospensione del Parlamento
©AP Photo/Jose Luis Magana

Brexit, udienza finale sulla sospensione del Parlamento

©AP Photo/Jose Luis Magana

Brexit, udienza finale sulla sospensione del Parlamento
©EPA/FACUNDO ARRIZABALAGA

Brexit, udienza finale sulla sospensione del Parlamento

©EPA/FACUNDO ARRIZABALAGA

Brexit, udienza finale sulla sospensione del Parlamento
©EPA/FACUNDO ARRIZABALAGA

Brexit, udienza finale sulla sospensione del Parlamento

©EPA/FACUNDO ARRIZABALAGA

Brexit, udienza finale sulla sospensione del Parlamento
©EPA/FACUNDO ARRIZABALAGA

Brexit, udienza finale sulla sospensione del Parlamento

©EPA/FACUNDO ARRIZABALAGA

Brexit, udienza finale sulla sospensione del Parlamento
©EPA/SUPREME COURT

Brexit, udienza finale sulla sospensione del Parlamento

©EPA/SUPREME COURT

Terza e ultima udienza oggi alla Corte Suprema britannica del procedimento senza precedenti destinato a decidere sulla legittimità del contestato atto con cui il governo di Boris Johnson ha chiesto - e automaticamente ottenuto dalla regina - una sospensione prolungata del Parlamento fino al 14 ottobre, nel pieno della crisi sulla Brexit. La data del verdetto finale non è per ora nota: potrebbe essere domani.

La Corte Suprema deve riconciliare due verdetti contrapposti: quello dell’Alta Corte di Londra, che si è rifiutata di mettere in questione l’operato del governo dichiarandosi incompetente e respingendo un ricorso di attivisti pro Remain guidati da Gina Miller; e quello dell’Alta Corte di Scozia che al contrario ha bollato in appello come illegale il comportamento del premier, accusandolo d’aver usato in modo improprio un mezzo politico pur legittimo nel Regno come quello della sospensione (prorogation).

Oggi tocca alle parti terze: fra gli altri la stessa Miller e l’ex premier John Major (Tory anti Brexit e anti Johnson), che però non interverrà di persona affidandosi a un testo scritto.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cronaca
  • 1
  • 1