Chernobyl: inaugurato il nuovo scudo protettivo del reattore numero 4

UCRAINA

La struttura si chiama New Safe Confinement, è in acciaio, è alta 110 metri e pesa ben 36.200 tonnellate - LE FOTO

Chernobyl: inaugurato il nuovo scudo protettivo del reattore numero 4

Chernobyl: inaugurato il nuovo scudo protettivo del reattore numero 4

Chernobyl: inaugurato il nuovo scudo protettivo del reattore numero 4

Chernobyl: inaugurato il nuovo scudo protettivo del reattore numero 4

Chernobyl: inaugurato il nuovo scudo protettivo del reattore numero 4

Chernobyl: inaugurato il nuovo scudo protettivo del reattore numero 4

Chernobyl: inaugurato il nuovo scudo protettivo del reattore numero 4

Chernobyl: inaugurato il nuovo scudo protettivo del reattore numero 4

Chernobyl: inaugurato il nuovo scudo protettivo del reattore numero 4

Chernobyl: inaugurato il nuovo scudo protettivo del reattore numero 4

Chernobyl: inaugurato il nuovo scudo protettivo del reattore numero 4

Chernobyl: inaugurato il nuovo scudo protettivo del reattore numero 4

Chernobyl: inaugurato il nuovo scudo protettivo del reattore numero 4

Chernobyl: inaugurato il nuovo scudo protettivo del reattore numero 4

KIEV - È stato ufficialmente inaugurato e messo in esercizio il nuovo «scudo» protettivo che copre il reattore numero 4 di Chernobyl, la cui esplosione nel 1986 causò il più grande disastro nucleare civile della storia.

La struttura si chiama New Safe Confinement, è in acciaio, è alta 110 metri, lunga 165 e larga 257, e pesa ben 36’200 tonnellate. Il progetto è costato 1,5 miliardi di euro ed è stato finanziato con un fondo speciale lanciato dalla Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo e sponsorizzato da 45 Paesi. Il New Safe Confinement dovrebbe limitare le fughe radioattive per 100 anni.

«Oggi - ha detto il presidente ucraino Volodimir Zelensky - otteniamo le chiavi della costruzione creata con gli sforzi congiunti di decine di Paesi per proteggere l’intero pianeta e l’umanità dalla contaminazione radioattiva».

Il nuovo «scudo» è stato costruito in due parti, che sono poi state congiunte nel 2015 ed è al suo posto già dal 2016. Al suo interno ha una gru per rimuovere la vecchia e insufficiente struttura protettiva precedente, il cosiddetto «sarcofago» costruito in fretta e furia dopo il disastro, e i resti del reattore numero 4.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cronaca
  • 1
  • 1