Compra e restituisce la medaglia al Nobel

Il magnate russo, Alicher Ousmanov, ha acquistato all'asta per 4,75 milioni l'oro di James Watson

MOSCA - Il magnate russo, Alicher Ousmanov, ha annunciato di volere restituire al legittimo proprietario la medaglia d'oro del Nobel James Watson, dopo averla acquistata all'asta per 4,75 milioni di dollari. Ad annunciarlo in un comunicato la società del magnate dell'acciaio. La medaglia, in oro 23 carati, era stata messa all'asta dallo stesso Watson per finanziare la ricerca, ed era stata acquistata il 4 dicembre scorso dal magnate. "È inammissibile che un Nobel debba vendere la propria medaglia, ricompensa per le sue ricerche sul cancro, la malattia che ha ucciso mio padre", ha spiegato il miliardario russo in un comunicato. La società del magnate ha spiegato che adesso "il professore Watson potrà devolvere il ricavato della vendita agli istituti di ricerca come le Università di Chicago, di Indiana e Cambridge che hanno finanziato le sue ricerche".Watson, genetista americano, oggi 86enne, aveva ricevuto il Nobel per la medicina nel 1962 dopo aver scoperto la struttura elicoidale del DNA. Nel 2007 era stato fortemente criticato e messo in disparte dalla comunità scientifica per un'intervista concessa al "Sunday Times" nella quale cui aveva detto, tra le righe, che i popoli africani erano "meno intelligenti" di quelli occidentali.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca
  • 1
    Cambiamenti climatici

    Taglio di emissioni insufficiente: solo l’1%

    Secondo l’ONU, l’impegno dei Paesi non è abbastanza, bisognerebbe ridurre l’emissione di gas serra del 45% per mantenere l’aumento delle temperature entro 1,5 gradi dai livelli pre-industriali

  • 2
  • 3
    social network

    Twitter verso i contenuti a pagamento

    La piattaforma starebbe lavorando a un servizio di abbonamento in cui gli utenti pagherebbero contenuti speciali da account di alto profilo

  • 4
    gran bretagna

    La «sposa dell’ISIS» non potrà tornare a casa

    La Corte Suprema di Londra ha rovesciato il verdetto emesso in luglio in appello: alla 20.enne non sarà permesso di rientrare nel Paese dopo essere fuggita nel 2015 per unirsi ai miliziani del Califfato

  • 5
    africa

    Rapite oltre 300 studentesse in Nigeria

    Nuovo attacco da parte di uomini armati in una scuola di Jangebe, nello Stato di Zamfara: settimana scorsa 42 persone e a dicembre altri 300 ragazzi sono stati sequestrati in vari centri scolastici del Paese

  • 1