Condannati al carcere altri sei testimoni di Geova

RUSSIA

Sono stati ritenuti colpevoli di «estremismo» e condannati a pene detentive tra due e tre anni e mezzo

Condannati al carcere altri sei testimoni di Geova
© CdT/Zocchetti

Condannati al carcere altri sei testimoni di Geova

© CdT/Zocchetti

Un tribunale della Russia meridionale ha giudicato sei testimoni di Geova colpevoli di «estremismo» e li ha condannati a pene detentive comprese tra due e tre anni e mezzo. La Russia ha messo fuorilegge i Testimoni di Geova nel 2017 rendendo un reato per i 175’000 fedeli del gruppo incontrarsi o distribuire pubblicazioni.

Il tribunale di Saratov ha condannato Konstantin Bazhenov, Alexei Budenchuk, Felix Makhammadiev, Roman Gridasov, Gennady German e Alexei Miretsky, arrestati nel corso del blitz di polizia livello nazionale di metà 2018. I pubblici ministeri avevano chiesto pene detentive tra sei e sette anni.

La sentenza arriva un anno e mezzo dopo la prima condanna pronunciata contro un testimone di Geova, il cittadino danese Dennis Christensen, con l’accusa di aver organizzato un gruppo estremista vietato. Altri tre fedeli, dalla Russia occidentale all’Estremo Oriente, sono stati anche condannati, stando all’organizzazione religiosa. I gruppi per i diritti umani hanno condannato i raid delle forze dell’ordine come violazioni della libertà religiosa.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cronaca
  • 1
  • 2
  • 3

    Levy in lacrime al Bundestag

    GIORNATA DELLA MEMORIA

    Il presidente della Knesset si è più volte commosso – Inge Auerbacher: «Il cancro dell’antisemitismo si è risvegliato»

  • 4

    Fridays for Future si prepara per il prossimo sciopero

    clima

    Il prossimo 25 marzo gli attivisti scenderanno in piazza per chiedere che «vengano garantiti i risarcimenti climatici da parte del nord del mondo che ha le maggiori responsabilità. Questi risarcimenti non dovrebbero essere prestiti, ma finanziamenti per le comunità indigene ed emarginate»

  • 5

    Easyjet è vicina ai livelli pre pandemia

    aviazione

    L’amministratore delegato Johan Lundgren si dice fiducioso sul 2022 e preannuncia che la domanda per l’estate sarà «forte, con il Regno Unito e le rotte turistiche che andranno particolarmente bene»

  • 1
  • 1