Il caso

Espulsa dall’Italia la moglie di Abderrahim Moutaharrik

La coniuge dell’ex campione svizzero di K1, condannato per terrorismo, è stata rimpatriata dalla Polizia di Lecco che ha eseguito l’ordine di allontanamento firmato da Matteo Salvini

 Espulsa dall’Italia la moglie di Abderrahim Moutaharrik
(Foto Archivio)

Espulsa dall’Italia la moglie di Abderrahim Moutaharrik

(Foto Archivio)

LECCO - La moglie dell’ex campione svizzero nella categoria K1 Abderrahim Moutaharrik, arrestato nell’aprile del 2016 e condannato per terrorismo, è stata espulsa dall’Italia e rimandata in Marocco. Lo riportano i media italiani. La donna è stata rimpatriata dagli uomini della Polizia di Lecco, che hanno eseguito l’ordine di allontanamento per motivi di sicurezza dello Stato firmato dal ministro dell’Interno Matteo Salvini. La cittadina marocchina è ritenuta parte, al pari del marito, di un’associazione con finalità terroristiche ed è per questo stata condannata. Al marito, che nelle intercettazioni aveva parlato anche di un possibile attentato in Vaticano, è stata anche notificata la revoca della cittadinanza italiana assegnata nel 2015, come proposto dal Viminale qualche mese fa. A inizio luglio di quest’anno il Tribunale di Milano aveva deciso di togliere i figli a lui e alla moglie. I due bambini, di 7 e 5 anni, erano stati affidati al Comune di Valmadrera e collocati presso l’abitazione dei nonni paterni.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Cronaca
  • 1