Ex spia russa avvelenata, Mosca prende le distanze

MOSCA - La Russia non ha nulla a che fare con il caso dell'ex agente dei servizi russi avvelenato in Gran Bretagna insieme alla figlia e non risponderà all'ultimatum del Regno Unito sino a che Londra non le darà accesso alle analisi sulla componente tossica. Così il ministro degli Esteri russo Serghiei Lavrov rispondendo alle parole di Theresa May, secondo quanto riporta Interfax.

Intanto, Mosca ha convocato oggi l'ambasciatore britannico in Russia presso il ministero degli Esteri. Lo fa sapere il ministero stesso in una nota.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca