«Facebook ha ingannato gli utenti con i numeri di telefono»

Stati uniti

La Federal Trade Commission si appresta ad accusare il gigante dei social network di aver raggirato i fruitori sulla gestione dei dati telefonici e sul riconoscimento facciale

«Facebook ha ingannato gli utenti con i numeri di telefono»
Foto Keystone

«Facebook ha ingannato gli utenti con i numeri di telefono»

Foto Keystone

NEW YORK - La Federal Trade Commission si appresta ad accusare Facebook di aver ingannato i suoi utenti per la gestione dei loro numeri di telefono. Ma anche di non aver fornito informazioni sufficienti sulla possibilità di disattivare il riconoscimento facciale nel suggerire coloro di taggare nelle foto.

Sono queste, riporta il Washington Post, alcune delle accuse che la Ftc avanzerà probabilmente già domani contro Facebook al termine delle indagini sui ripetuti scandali sulla privacy. Le accuse saranno elaborate nell’ambito del patteggiamento con Facebook, che include una maxi multa da 5 miliardi di dollari.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cronaca
  • 1

    Forte terremoto nelle Filippine

    Sisma

    Secondo l’USGS, la scossa di magnitudo 6.7 ha avuto epicentro a 34 km da Puerto Galera, nella provincia di Mindoro Orientale

  • 2

    Effetto green pass: in Italia scatta la corsa al vaccino

    Pandemia

    Dopo l’annuncio del certificato obbligatorio per entrare in numerosi luoghi pubblici, oltre 150 mila persone si sono collegate ai portali regionali per prenotare la prima dose - Convocate manifestazioni in tutta la Penisola contro «il passaporto schiavitù e l’obbligo vaccinale»

  • 3
  • 4

    La variante Delta corre: ora è dominante in Europa

    Pandemia

    Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie e l’Organizzazione mondiale della Sanità lanciano un nuovo appello a vaccinarsi - In Spagna aumentano i pazienti nelle terapie intensive

  • 5

    La comunità LGBTQ+ sfida Orban

    Ungheria

    Prevista una grande partecipazione alla marcia del Pride in programma a Budapest, che sarà «una celebrazione, ma anche una protesta» contro la campagna «anti-gay» del governo

  • 1
  • 1