Sanità

«Farmaci razionati e troppo cari, serve più trasparenza»

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) richiede misure per rendere i medicinali, soprattutto quelli per le malattie rare, più accessibili e meno costosi

«Farmaci razionati e troppo cari, serve più trasparenza»
(Foto CdT)

«Farmaci razionati e troppo cari, serve più trasparenza»

(Foto CdT)

ROMA - Più trasparenza sul prezzo dei farmaci: a chiederlo è l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS). Nei paesi ricchi le autorità sanitarie devono sempre di più ricorrere al razionamento di farmaci per il cancro, l'epatite C e le malattie rare, mentre ogni anno nel mondo 100 milioni di persone diventano povere per le spese affrontate per pagarsi i farmaci. Fatti che dimostrano come l'accesso ai medicinali sia ormai un problema mondiale, afferma l'OMS.

Nel forum globale svoltosi nel fine settimana in Sud Africa, i delegati di governi e organizzazioni della società civile hanno chiesto maggiore chiarezza sui costi della ricerca, lo sviluppo e la produzione dei farmaci, per poter consentire ai compratori di negoziare prezzi più accessibili.

A tal fine si vuole lavorare su una piattaforma con tutti gli attori in causa per identificare le strategie per ridurre i prezzi dei farmaci e allargare il loro accesso.

Un rapporto redatto per l'Oms nel 2017 ha mostrato infatti che il costo di produzione della maggior parte dei farmaci che si trova nella lista di quelli essenziali è solo una piccola frazione del prezzo finale pagato da governi, pazienti o assicurazioni.

La mancanza di trasparenza sui prezzi pagati dai governi fa sì che molti dei paesi a basso e medio reddito paghino di più rispetto ai paesi ricchi alcuni farmaci. A tal fine tutti sono stati d'accordo nel promuovere una maggiore trasparenza e condividere le informazioni sui prezzi.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Cronaca
  • 1