giappone

Fukushima, inizia la rimozione del magma radioattivo

Le operazioni di smantellamento sono state ritardate di oltre quattro anni a causa di vari malfunzionamenti - La società di gestione prevede la fine dei lavori entro il marzo 2021

Fukushima, inizia la rimozione del magma radioattivo
Lo staff della Tepco lavora da remoto per rimuovere il magma radioattivo dal reattore 3. (Keystone)

Fukushima, inizia la rimozione del magma radioattivo

Lo staff della Tepco lavora da remoto per rimuovere il magma radioattivo dal reattore 3. (Keystone)

Fukushima, inizia la rimozione del magma radioattivo
(Keystone)

Fukushima, inizia la rimozione del magma radioattivo

(Keystone)

Fukushima, inizia la rimozione del magma radioattivo
(Keystone)

Fukushima, inizia la rimozione del magma radioattivo

(Keystone)

Fukushima, inizia la rimozione del magma radioattivo
(Keystone)

Fukushima, inizia la rimozione del magma radioattivo

(Keystone)

Fukushima, inizia la rimozione del magma radioattivo
L’immagine della vasca di raffreddamento da svuotare. Vi sono immagazzinati 566 contenitori di materiale fissile esaurito, tenuti sotto l’acqua e coperti da una rete protettiva. (Foto Keystone)

Fukushima, inizia la rimozione del magma radioattivo

L’immagine della vasca di raffreddamento da svuotare. Vi sono immagazzinati 566 contenitori di materiale fissile esaurito, tenuti sotto l’acqua e coperti da una rete protettiva. (Foto Keystone)

Fukushima, inizia la rimozione del magma radioattivo
Il reattore numero 3. (Foto Keystone)

Fukushima, inizia la rimozione del magma radioattivo

Il reattore numero 3. (Foto Keystone)

TOKYO - Per la prima volta dal disastro nucleare di Fukushima del 2011, il gestore della centrale, la Tokyo Electric Power (Tepco), ha iniziato i lavori per la rimozione del magma radioattivo all'interno del reattore numero 3, uno dei tre colpiti dalla fusione del nocciolo.

In anticipazione delle attività di smantellamento, la Tepco ha dovuto decontaminare il piano all'interno dell'impianto per via delle alte radiazioni che non consentono il funzionamento meccanico delle attrezzature radiocomandate. Gli ingegneri delle Tepco puntano a sollevare 52 dei 514 gli elementi di materiale fissile esauriti all'interno della vasca di raffreddamento, per trasportarli in un altro contenitore tramite operazioni remote.

I tre reattori furono colpiti da un'esplosione di idrogeno all'indomani del terremoto di magnitudo 9 e il successivo tsunami, con la conseguente dispersione delle radiazioni. I lavori di smantellamento sono stati ritardati di oltre 4 anni a causa di vari malfunzionamenti, e adesso la società di gestione conta di finire i lavori entro il marzo del 2021.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Cronaca
  • 1