Guam: troppe cause di pedofilia, la diocesi chiede la bancarotta

ROMA - La Chiesa cattolica dell'isola di Guam farà istanza di bancarotta, una mossa che secondo gli avvocati consentirà all'arcidiocesi di evitare il processo in dozzine di cause per abusi sessuali su minori da parte di sacerdoti. L'annuncio è stato fatto in una conferenza stampa sull'isola del Pacifico, "territorio non incorporato" degli Stati Uniti. L'avvocato Leander James ha spiegato che è l'unico "percorso realistico" per risolvere le oltre 180 richieste di risarcimenti per abuso. Il deposito dell'istanza interromperà le azioni legali e darà una scadenza per la presentazione dei reclami.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca
  • 1