Olanda

«I bambini sono troppo rumorosi» e fanno chiudere il campo da calcio

Alcuni vicini si sono lamentati perché gli schiamazzi oltrepassavano di 18 decibel il limite consentito - L’area funge anche da luogo di ricreazione per la scuola elementare locale

«I bambini sono troppo rumorosi» e fanno chiudere il campo da calcio
Foto Pixabay

«I bambini sono troppo rumorosi» e fanno chiudere il campo da calcio

Foto Pixabay

AMSTERDAM - Secondo i recenti studi, i bambini devono fare più esercizio fisico e passare più tempo possibile all’aria aperta. Tuttavia, come si sta dimostrando in questi giorni in Olanda, le cose in realtà non sono sempre così semplici: il campo da calcio della scuola elementare di Nimega - dove ha anche luogo la ricreazione - dovrà infatti chiudere per «gli schiamazzi» dei bambini.

Se vuole evitare una multa del corrispondente di oltre 11.000 franchi, il centro De Buut avrà tempo solo fino all’inizio di agosto per chiudere il campo, dato che alcuni residenti locali si sono lamentati del rumore. Nell’area, il limite sarebbe di 70 decibel, ma secondo le misurazioni le urla dei bambini sfioravano gli 88, probabilmente anche a causa dell’effetto eco prodotto dai nuovi appartamenti costruiti dall’altro lato della strada.

La decisione presa dalle autorità ha già sollevato un gran polverone e più di 4.300 persone hanno firmato una petizione volta a far ritirare l’ordine, siccome priverebbe i bambini del loro unico spazio dove giocare, praticare sport e fare lezione all’aria aperta. «È una situazione assurda, contraddittoria, ed è davvero ingiusto per gli allievi», ha detto il direttore della scuola Janneke Colsen al giornale Volkskrant. «Soprattutto ora, quando tutti dicono che i bambini devono uscire e muoversi di più».

Inoltre, per cercare di andare incontro ai residenti del vicinato sono già stati presi provvedimenti meno radicali, come spostare all’interno le lezioni di musica, ha aggiunto Colsen. Infine, l’intero complesso scolastico ha oltre 40 anni, quindi i vicini che ora si lamentano erano già coscienti della presenza dei bambini quando si sono trasferiti.

Ciononostante, Noël Vergunst, un consigliere locale, ha difeso la decisione affermando che «il limite acustico veniva superato di troppo», anche se riconosce che la situazione è complessa.

Intanto, attorno al campo da calcio sono apparsi anche degli striscioni, come quello che dice «Le leonesse arancioni devono pur poter iniziare da qualche parte», in riferimento al recente successo dell’Olanda ai mondiali di calcio femminili.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Cronaca
  • 1