I dati rubati su Facebook in vendita a pochi dollari

Dopo l'attacco hacker, le informazioni dei circa 50 milioni di account compromessi si trovano sul dark web a cifre comprese tra i 3 e i 12 dollari

I dati rubati su Facebook in vendita a pochi dollari

I dati rubati su Facebook in vendita a pochi dollari

WASHINGTON - A poco più di una settimana dall'attacco hacker che ha colpito Facebook e messo a rischio almeno 50 milioni di profili, i dati frutto di quel bottino sono già in vendita sul dark web e a prezzi bassi: tra i 3 e i 12 dollari euro a persona.

A fare la scoperta il sito The Independent, che ha notato nei mercati sotterranei del web - una parte di Internet accessibile solo con determinati software - annunci che offrono agli acquirenti i dati personali degli utenti di Facebook per un minimo di 3 dollari.

Se sfruttati dai criminali informatici, i dati potrebbero essere utilizzati per commettere furti di identità o ricattare gli utenti del social network.

La testata riporta anche una recente ricerca della società Money Guru, non legata all'ultimo hackeraggio a Facebook, che fa una valutazione generale al mercato nero del web della nostra identità digitale, che si aggirerebbe intorno agli 850 euro.

Secondo The Independent, gli account compromessi con l'attacco a Facebook sono in vendita ad una cifra compresa tra i 3 e i 12 dollari; è possibile acquistarli solo utilizzando valute digitali come i bitcoin. Se venduti singolarmente a questi prezzi, stima la testata, il valore dei dati rubati sul mercato nero sarebbe compreso tra 150 e 600 milioni di dollari.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca
  • 1
  • 2
  • 3
    brasile

    Mascherina fatale per un pinguino

    Gli ambientalisti sono preoccupati per il crescente aumento dei «rifiuti della pandemia», che rappresentano una nuova minaccia per la fauna marina sempre più vulnerabile

  • 4
    gran bretagna

    Amal Clooney si dimette per protesta

    La moglie di George e avvocato impegnato nella difesa dei diritti umani lascia l’incarico di emissario speciale del Foreign Office britannico per la libertà d’informazione nel mondo dicendosi «sconcertata» dal progetto di legge presentato da Boris Johnson sul dopo Brexit

  • 5
  • 1