Il coronavirus potrebbe rubare fino a 9 anni di vita

lo studio

Secondo un gruppo di ricercatori, con un’ipotetica diffusione dell’infezione nel 10% della popolazione, l’aspettativa di vita potrebbe calare di un anno nei Paesi ricchi - Con una prevalenza del virus nel 50% della popolazione sono previste perdite dai 3 ai 9 anni

Il coronavirus potrebbe rubare fino a 9 anni di vita
© KEYSTONE/Laurent Gillieron

Il coronavirus potrebbe rubare fino a 9 anni di vita

© KEYSTONE/Laurent Gillieron

La pandemia di coronavirus potrebbe ridurre a breve termine l’aspettativa di vita di diversi Paesi, vanificando anni e anni di progressi in tal senso. Potrebbe rubare anche fino a 9 anni alla vita media attesa per il 2020 se la quota di popolazione interessata diventa alta (50%).

Lo suggerisce un lavoro pubblicato sulla rivista Plos One. I ricercatori dell’International Institute for Applied Systems Analysis a Laxenburg, vicino a Vienna, hanno stimato che con una ipotetica diffusione dell’infezione nel 10% della popolazione, la perdita di aspettativa di vita potrebbe essere di un anno in paesi ricchi come Europa e Nord America. Con una prevalenza del virus nel 50% della popolazione sono previste perdite consistenti dai 3 ai 9 anni. Ma anche con un tasso di prevalenza basso, intorno al 2%, la perdita di aspettativa di vita sarebbe apprezzabile.

«Il nostro studio offre la prima valutazione dell’impatto della sindrome COVID-19 sulle aspettative di vita, in una serie di diversi scenari e differenti tassi di prevalenza» spiega Guillaume Marois, che ha condotto lo studio. «In ogni modo - continua - anche nelle regioni più colpite, l’aspettativa di vita di certo si riprenderà a pandemia conclusa».

In Europa ci sono voluti quasi 20 anni per portare l’aspettativa di vita media alla nascita dai 72,8 anni nel 1990 ai 78,6 anni del 2019. La COVID-19 potrebbe riportare questo indicatore per l’anno 2020 ai valori osservati qualche tempo fa.

È difficile stimare l’aspettativa di vita che sarà persa da un singolo paese, precisa Marois, «perché non sappiamo realmente quale sia attualmente e quale sarà il tasso di prevalenza reale per quella popolazione». Peraltro in un singolo paese la prevalenza può variare per diverse regioni o territori e quindi, se anche per la nazione mediamente la perdita di aspettativa di vita resta bassa, in singole regioni ad alta prevalenza di infezione (come il Nord Italia) la perdita in termini di aspettativa di vita potrebbe essere apprezzabile.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cronaca
  • 1
  • 2

    In arrivo nuovi test super affidabili?

    coronavirus

    Uno studio canadese ha dimostrato come le concentrazioni nel sangue di alcuni metaboliti possano essere utilizzate per dimostrare la positività di un paziente con una precisione del 98% e predire, nei casi gravi, la morte con un’affidabilità del 100%

  • 3
  • 4

    Google nel mirino dell’antitrust

    italia

    Secondo l’autorità garante della concorrenza, nel mercato della pubblicità online la società detiene il monopolio anche grazie alla sua posizione dominante su larga parte della filiera digitale

  • 5

    Seconda notte di disordini a Filadelfia

    usa

    Dopo l’uccisione del 27.enne afroamericano Walter Wallace da parte della polizia, per le vie della città non sono mancate proteste, vandalismi e saccheggi di negozi

  • 1
  • 1