Kim Jong Yang è il nuovo presidente dell'Interpol

Tensioni tra Usa e Russia: per i membri statunitensi della Helsinki Commission affidare l'organizzazione a Prokopchuk sarebbe stato come "mettere la volte a guardia del pollaio"

Kim Jong Yang è il nuovo presidente dell'Interpol

Kim Jong Yang è il nuovo presidente dell'Interpol

DUBAI - È il sudcoreano Kim Jong Yang il nuovo presidente dell'Interpol. La scelta non ha mancato di creare scontri tra Usa e Russia, in particolare per la bocciatura di Prokopchuk.

Kim Jong Yang è stato eletto oggi, mercoledì 21 novembre, nel corso di un'assemblea tenutasi a Dubai, alla presidenza della più grande organizzazione di polizia del mondo, con un mandato di due anni. Sconfitto dunque il candidato russo, il generale Alexander Prokopchuk, funzionario nel ministero dell'Interno e attuale vice presidente.

Kim Jong Yang aveva assunto le redini dell'Interpol dopo le improvvise "dimissioni" del suo ex capo, Meng Hongwei, accusato di corruzione in Cina. L'elezione odierna ha però aperto un nuovo fronte nello scontro fra Russia e Stati Uniti. Washington ha fatto sapere di opporsi alla nomina del candidato russo, considerandolo vicino al presidente Vladimir Putin e avanzando il sospetto che con lui il Cremlino potrebbe usare l'organizzazione internazionale della polizia criminale come uno strumento per colpire gli oppositori all'estero.

In una lettera inviata all'amministrazione del presidente Donald Trump e all'assemblea generale dell'Interpol, i senatori statunitensi membri della Helsinki Commission, che si occupa di diritti umani, avevano affermato senza tanti complimenti che mettere il generale russo a capo dell'Interpol equivaleva "a mettere la volpe a guardia del pollaio".

La portavoce del ministero dell'Interno russo, Irina Volk, ha replicato affermando che è "inammissibile politicizzare l'Interpol come organizzazione professionale internazionale che unisce gli sforzi di 192 paesi nella lotta alla criminalità internazionale e al terrorismo".

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca
  • 1
    Cambiamenti climatici

    Taglio di emissioni insufficiente: solo l’1%

    Secondo l’ONU, l’impegno dei Paesi non è abbastanza, bisognerebbe ridurre l’emissione di gas serra del 45% per mantenere l’aumento delle temperature entro 1,5 gradi dai livelli pre-industriali

  • 2
  • 3
    social network

    Twitter verso i contenuti a pagamento

    La piattaforma starebbe lavorando a un servizio di abbonamento in cui gli utenti pagherebbero contenuti speciali da account di alto profilo

  • 4
    gran bretagna

    La «sposa dell’ISIS» non potrà tornare a casa

    La Corte Suprema di Londra ha rovesciato il verdetto emesso in luglio in appello: alla 20.enne non sarà permesso di rientrare nel Paese dopo essere fuggita nel 2015 per unirsi ai miliziani del Califfato

  • 5
    africa

    Rapite oltre 300 studentesse in Nigeria

    Nuovo attacco da parte di uomini armati in una scuola di Jangebe, nello Stato di Zamfara: settimana scorsa 42 persone e a dicembre altri 300 ragazzi sono stati sequestrati in vari centri scolastici del Paese

  • 1