commissione

L’odio razziale e il populismo xenofobo incidono sul clima politico

Il Consiglio d’Europa rilancia l’allarme sul razzismo: «La paura per la situazione economica è stata sfruttata da chi usa migranti e minoranze come capri espiatori»

L’odio razziale e il populismo xenofobo incidono sul clima politico
Migranti sbarcano dalla Asso Venticinque a Pozzallo. (Foto Keystone)

L’odio razziale e il populismo xenofobo incidono sul clima politico

Migranti sbarcano dalla Asso Venticinque a Pozzallo. (Foto Keystone)

STRASBURGO - I discorsi che incitano all’odio razziale e il populismo xenofobo hanno continuato a incidere sul clima politico europeo anche nel 2018: questo l’allarme rilanciato dall’Ecri, la commissione contro il razzismo e la discriminazione del Consiglio d’Europa.

Nel rapporto pubblicato oggi, l’Ecri evidenzia che «le crescenti paure dei cittadini nei riguardi della situazione economica e dei cambiamenti geopolitici e tecnologici sono state sfruttate da chi usa come capri espiatori migranti e minoranze, e in particolare dai politici populisti che mirano a dividere le società su linee nazionali, etniche e religiose».

Questa pratica, sottolinea l’Ecri, è seguita «non solo da frange politiche, ma ha guadagnato sempre maggiore spazio anche nei partiti più tradizionali e nei governi nazionali, un fenomeno fonte di grande preoccupazione».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Cronaca
  • 1