La Catalogna sfida Madrid

Il parlamento catalano ha approvato l'avvio di un processo verso la separazione dalla Spagna - Rajoy non ci sta

La Catalogna sfida Madrid

La Catalogna sfida Madrid

MADRID - Con un documento approvato per iniziativa della maggioranza secessionista, il parlamento catalano ha approvato l'avvio di un processo verso la separazione dalla Spagna, sfidando apertamente la Corte costituzionale di Madrid che aveva posto il suo veto.

La presa di posizione del parlamento di Barcellona è stata approvata da 72 deputati regionali su 135. Voto contrario è venuto da dieci parlamentari del gruppo Csp vicino a Podemos (socialdemocratici), popolari (Pp) e Ciudadanos (centrodestra) hanno lasciato l'aula e i socialisti non hanno votato.

Secondo un recente sondaggio il 48% della popolazione catalana oggi è favorevole all'indipendenza contro il 43% di contrari. Nei giorni scorsi la Corte costituzionale spagnola aveva diffidato il parlamento di Barcellona dal votare il documento, presentato formalmente oggi in aula dai due gruppi secessionisti di Junts Pel Si e della Cup. I partiti anti-indipendentisti, Pp, Ciudadanos e Partito dei Socialisti di Catalogna (Psc), hanno denunciato la illegalità della decisione del 'Parlament', in contrasto con le decisioni della corte Costituzionale spagnola.

Il capogruppo del Pp Xavier Garcia Albiol ha denunciato un "golpe" contro la Consulta di Madrid e avvertito che se ne dovranno pagare le conseguenze. Per il presidente catalano, l'indipendentista Carles Puidgemont è invece "legittima" la presa di posizione dei deputati regionali. Il presidente catalano ha confermato nei mesi scorsi l'obiettivo - contestato e dichiarato illegittimo dal governo di Madrid - di arrivare ad una "repubblica catalana" indipendente per la fine del 2017.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cronaca
  • 1