“La montagna non è una spiaggia, rispettiamola”

In jeans e scarpette da ginnastica su un ghiacciaio a 4mila metri d'altitudine: È la scena che si è presentata mercoledì a diversi alpinisti sul versante italiano del monte Breithorn

“La montagna non è una spiaggia, rispettiamola”

“La montagna non è una spiaggia, rispettiamola”

SION - In jeans e scarpette da ginnastica su un ghiacciaio a 4mila metri di altitudine. È la scena che si è presentata mercoledì a diversi alpinisti sul versante italiano del monte Breithorn, che confina con il Vallese. Nonostante l'invito di più alpinisti a fermarsi e a tornare indietro, l'uomo ha però deciso di proseguire. E così, tramite Facebook, il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico italiano ha deciso di pubblicare una foto del turista totalmente impreparato per lanciare un appello a rispettare la montagna. 

"La montagna - si legge nell'appello su Facebook - è un luogo straordinario ma non è un parco cittadino o una spiaggia di sabbia! Rispettiamola! Il primo modo per rispettarla è quello di viverla con prudenza, ben attrezzati e consapevoli dei propri limiti senza aver paura di saper rinunciare".

"Sappiamo che appelli come questo raggiungono tante persone ma non tutti, quindi oltre che a condividere questo post sui social vi invitiamo a raccomandare sempre ad amici, conoscenti e parenti la stessa prudenza che raccomandiamo noi a voi. Solo tramite una corretta e costante sensibilizzazione a 360° - si legge infine nel post su Facebook - partendo anche dai più piccoli, riusciremo a far diminuire le migliaia di incidenti che ogni anno avvengono sulle nostre montagne e quindi ad evitare tante tragedie". 

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca
  • 1